Le conclusioni della conferenza di Katowice

Clima: Cop24, intesa su regole, ma senza impegni ambiziosi

I Paesi sono arrivati alla Cop24 di Katowice in Polonia dopo un anno di forti tensioni geopolitiche, dal commercio alla gestione delle migrazioni, che hanno messo in questione la tenuta dell’ordine multilaterale globale. Nonostante ciò le delegazioni hanno trovato nel...
Il negoziato tra Ue e Gran Bretagna

Brexit: una May indebolita non dirada la nebbia sull'accordo

La nebbia che circonda il negoziato tra Londra ed i 27 sul distacco del Regno Unito dalla Unione europea non si è diradata al Consiglio europeo. Né poteva essere altrimenti: Theresa May si è presentata a Bruxelles indebolita dall’annuncio, cui...
Bilancio della presidenza italiana

Osce: Consiglio di Milano meglio del previsto e del passato

La diplomazia italiana ha affrontato il compito di guidare per un anno le attività dell’Osce in un contesto di crescenti tensioni tra Russia e Occidente, che per lo più si traducono in veti incrociati su iniziative di interesse per l’una...

AGI News

Attenzione: i tre indici di Wall Street hanno chiuso la settimana in zona correzione

16 Dic - 07:25
Con i forti cali di ieri, legati ai timori per il rallentamento dell'economia cinese, tutti e tre gli indici di Wall Street hanno chiuso la settimana in zona correzione, avendo perso il 10% dall'ultimo picco. È la prima volta dal marzo 2016 che il Dow Jones, il Nasdaq e lo S&P, che ieri hanno perso rispettivamente il 2,02%, l'1,91% e il 2,26%, sono entrati simultaneamente in zona correzione. Si tratta di una sorta di allarme rosso, che scatta quando le perdite superano del 10% l'ultimo picco e si differenzia dal 'bear market', più pericoloso ancora, che scatta quando la soglia di allarme, cioè le perdite dell'indice, superano del 20% l'ultimo massimo.

Mario Draghi ha spiegato agli studenti di Pisa perché è orgoglioso di essere italiano

15 Dic - 22:11
L'orgoglio di essere italiano e una difesa dell'euro che, pur con i suoi limiti, è stato fonte di stabilità. Italia e Europa si sono sovrapposte, intrecciate e andate fianco a fianco nella lectio magistralis del presidente della Bce, Mario Draghi. Come potevano lasciare presagire l'inno di Mameli e l'inno alla Gioia intonati all'inizio della cerimonia con la quale la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa gli ha conferito la laurea honoris causa in Economia.

Manovra, fonti Ue: oggi nessun tavolo tecnico, aspettiamo il governo

15 Dic - 17:52
Nessun tavolo tecnico oggi a Bruxelles tra  Commissione e governo per discutere della manovra dell'Italia. Secondo quanto si è appreso da fonti Ue, gli sherpa di Berlaymont e Tesoro non si sono incontrati, al contrario di quanto era stato annunciato ieri.     Le stesse fonti aggiungono che ieri ci sono state discussioni utili a Bruxelles, negli incontri tra il ministro dell'economia Giovanni Tria e i commissari Ue Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici, ma che ora tutto dipende dalle decisioni politiche che saranno prese a Roma. Si aspetta il governo, aggiungono le fonti.

Per la Cgia di Mestre la manovra nel 2019 costerà alle imprese 4,9 miliardi​

15 Dic - 12:20
Nonostante i correttivi approvati dalla Camera dei Deputati, nel 2019 la manovra di bilancio costerà al sistema imprenditoriale italiano 4,9 miliardi di euro. Di questi, 3,1 miliardi graveranno sulle imprese non finanziarie e 1,8 miliardi sugli istituti di credito e sulle assicurazioni. A sostenerlo è l'Ufficio studi della Cgia. "Grazie all'aumento della deducibilità dell'Imu sui capannoni - spiega il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo - al ripristino delle detrazioni sulla formazione 4.0. e all'impegno di abbassare i premi Inail, alla Camera la maggioranza di Governo ha diminuito, rispetto al testo uscito da Palazzo Chigi, da 6,2 a 4,9 miliardi l'aggravio sulle imprese provocato dalla manovra. Uno sforzo importante, ma non ancora sufficiente. Le aspettative degli imprenditori, in particolar modo in materia fiscale, sono state ampiamente disattese. Senza contare che con la...

Perché di fronte alla Commissione Ue Italia e Francia non sono uguali

14 Dic - 22:52
Un 'filo giallo' unisce le vicende dei gilet francesi e quelle del governo italiano nello scontro con la Ue sui conti pubblici. Nelle ore cruciali della trattativa tra governo e Commissione sulla manovra, la decisione di Emmanuel Macron di allargare le maglie del bilancio per placare la protesta di piazza, ha scatenato le ire della maggioranza giallo-verde e un desiderio di ‘revanche’.

Quanto pesa Huawei in Europa (e quanto costerebbe metterla alla porta)

14 Dic - 19:21
Si fa presto a dire “fuori Huawei”. Se gli Stati Uniti non hanno mai aperto al gruppo cinese, in Europa il discorso è diverso: c'è un solido intreccio fatto di investimenti, progetti, joint venture. Chiaro: se ci fossero, le esigenze di sicurezza nazionale avrebbero la priorità. Ma rinunciare a Huawei non sarebbe una decisione indolore. Ecco perché.

Bankitalia: le misure espansive della manovra saranno frenate dal rialzo dei tassi

14 Dic - 15:11
Gli effetti espansivi della manovra saranno frenati dal rialzo dei tassi di interesse verificatosi negli ultimi mesi. A sostenerlo è la Banca d'Italia nel report di dicembre sulle proiezioni macroeconomiche per l'economia italiana."Gli effetti sull’attività economica delle misure espansive contenute nella manovra di bilancio - si legge nel documento -  sarebbero contrastati dai più elevati tassi di interesse fin qui registrati e attesi, che conterrebbero l’espansione della domanda interna". Il rapporto quantifica anche nell'1,0% la crescita dell’economia italiana nel triennio 2019-2021: rispetto alle precedenti proiezioni (relative a luglio), la stima di crescita è più bassa di due decimi di punto nel 2018 mentre resta invariata nel biennio 2019-2020.

Perché la trattativa con la Ue sulla manovra starebbe andando bene

14 Dic - 10:50
Nella sede della Commissione europea ieri è arrivato anche il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera. Un segnale che Roma e Bruxelles stanno lavorando per limare l'intesa sulla manovra. Una delle ipotesi sul tavolo, secondo quanto apprende l'Agi da fonti comunitarie, sarebbe quella di concedere più tempo al governo. La deadline sulla procedura di infrazione è fissata per il 19 dicembre ma le trattative potrebbero proseguire, potrebbe essere necessario un ulteriore tempo per continuare le valutazioni, riferiscono le stesse fonti. La Commissione potrebbe così non considerare il 19 come la data per avviare la procedura d'infrazione. 

Bankitalia: a ottobre debito aumenta a 2.334,4 miliardi 

14 Dic - 10:08
A ottobre il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 3,2 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.334,4 miliardi. Lo rileva Bankitalia. L’incremento corrisponde al fabbisogno del mese; la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (1,0 miliardi, a 48,7) è stata compensata dall’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 3,0 miliardi e quello delle amministrazioni locali di 0,2 miliardi. Il debito degli enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.

I paradossi della nuova norma sulle targhe straniere. Rischia chi era in regola

14 Dic - 07:42
Da alcuni giorni è “vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, circolare con un veicolo immatricolato all’estero”. La norma è contenuta all’interno della legge n.132 dell’1 dicembre 2018, quella di conversione del Decreto Sicurezza. Si tratta di un provvedimento che mira a frenare la cosiddetta “esterovestizione” delle automobili, una pratica che consentiva ai possessori di auto con targhe straniere di risparmiare sui classici costi delle quattoruote.

Ultimi Articoli

Osservatorio IAI/ISPI

Italia-Francia: la debolezza fa la forza

Francia e Italia stanno sperimentando grandi mutamenti politici interni che influiscono sulla loro politica internazionale e sui rapporti reciproci. In questi due Paesi sono oggi al governo forze politiche “nuove”, che non esistevano quando, dopo la fine della Seconda Guerra...
Osservatorio IAI/ISPI

Brexit: gli effetti del "no deal" sull'Italia

In un periodo in cui i rapporti tra Roma e Bruxelles sono sempre più nel segno delle tensioni e delle contrapposizioni, la Brexit rappresenta un’eccezione. Il cambio di governo in Italia non ha modificato la posizione del nostro Paese sul...
Osservatorio IAI/ISPI

Russia: Ue, Italia e il rinnovo delle sanzioni

La cattura di tre navi ucraine da parte delle forze navali russe nel Mar d’Azov a fine novembre ha fatto segnare una nuova escalation nello scontro tra Russia e Ucraina, e inasprito ulteriormente il clima di ostilità tra Occidente e...

Focus

Prevenzione e gestione delle crisi

Debito sovrano: Eurozona decide e l'Italia sta a guardare

Il dibattito politico sui rapporti tra Italia e Unione europea (Ue) si è polarizzato negli ultimi tempi sulla manovra finanziaria proposta dal governo italiano e sulla possibile attivazione di una procedura di infrazione sulle regole del debito. È quasi del...
Riflessioni esistenziali

G20: Occidente, riscatto cercasi da un lento declino

A Buenos Aires, sabato scorso si è conclusa la sessione plenaria del G20 2018. Pochi sanno che le riunioni, in formati diversi a seconda della materia, si svolgono durante tutto il corso dell’anno. I media non ne parlano,  focalizzandosi solo...

Sezioni

Libia: conferenza di Palermo, il bilancio dell'Italia

L’idea di una conferenza internazionale sulla Libia organizzata dall’Italia è nata in occasione della visita del premier Giuseppe Conte a Washington lo scorso luglio e, nell’immediato, ha trovato l’appoggio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, favorevole a un rinnovato impegno...

Usa-Iran: il ritorno dei neo-cons e la diplomazia coercitiva

Lo scorso 4 novembre, 39° anniversario dell’inizio della ‘crisi degli ostaggi’ americani a Teheran, ma anche il 10° della vittoria di Barack Obama alle elezioni presidenziali del 2008, scadevano i 180 giorni del lasso di tempo di sei mesi dato...

G20: Occidente, riscatto cercasi da un lento declino

A Buenos Aires, sabato scorso si è conclusa la sessione plenaria del G20 2018. Pochi sanno che le riunioni, in formati diversi a seconda della materia, si svolgono durante tutto il corso dell’anno. I media non ne parlano,  focalizzandosi solo...

Chiese e politica: giustizia e solidarietà palestre ecumeniche

“Vediamo prevalere i toni della rissa costante, della delegittimazione degli avversari e, talora, anche di campagne d’odio amplificate dai media. In questo trionfo della prevaricazione e della manipolazione, la vera e grande sconfitta non  soltanto l’etica del linguaggio e del...

Clima: Cop24, intesa su regole, ma senza impegni ambiziosi

I Paesi sono arrivati alla Cop24 di Katowice in Polonia dopo un anno di forti tensioni geopolitiche, dal commercio alla gestione delle migrazioni, che hanno messo in questione la tenuta dell’ordine multilaterale globale. Nonostante ciò le delegazioni hanno trovato nel...

Migranti: meno accoglienza per loro meno sicurezza per tutti

L’Italia era il Paese dell’Unione europea che prevedeva per i migranti il sistema di accoglienza diffusa più ampio ed era uno dei pochi a concedere la protezione umanitaria. Il nuovo Decreto-legge immigrazione e sicurezza pubblica, appena tradotto in legge, ridimensiona il Sistema...

Osce: Consiglio di Milano meglio del previsto e del passato

La diplomazia italiana ha affrontato il compito di guidare per un anno le attività dell’Osce in un contesto di crescenti tensioni tra Russia e Occidente, che per lo più si traducono in veti incrociati su iniziative di interesse per l’una...

Droni: la Cina è vicina al sorpasso sugli Usa? Non ancora

Il China Airshow di Zhuhai è una vetrina significativa dove la Cina che trova ogni anno l’occasione giusta per mostrare i progressi in tema di capacità aerospaziali e, quindi, anche di velivoli senza pilota, i cosiddetti droni. Come nelle precedenti...

Brexit: una May indebolita non dirada la nebbia sull'accordo

La nebbia che circonda il negoziato tra Londra ed i 27 sul distacco del Regno Unito dalla Unione europea non si è diradata al Consiglio europeo. Né poteva essere altrimenti: Theresa May si è presentata a Bruxelles indebolita dall’annuncio, cui...

Segnalazioni ed Eventi

Segnalazione

Dieci operazioni segrete nella 2a guerra mondiale, di D. Vecchioni

Le dieci operazioni segrete che hanno cambiato la seconda guerra mondiale, di Domenico Vecchioni, Edizioni del Capricorno, 2018, pag.166, euro 13
Segnalazione

Skorpio, Vincenzo Li Causi, agente segreto di M. Giannantoni

Skorpio – Vincenzo Li Causi, morte di un agente segreto di Massimiliano Giannantoni, Round Robin editrice, 2018, pag 215, euro 14