3 Febbraio 2023

Perché l’Ucraina deve risorgere

La situazione precaria dello Stato ucraino in una zona geopolitica grigia non cambierà in un futuro prossimo. Finché l’Ucraina non sarà un membro a pieno titolo della Nato e dell’Ue, il Paese – come Israele – dovrà occuparsi della propria sicurezza nazionale e avrà continuamente bisogno di assistenza per poterlo fare.

Uno dei compiti futuri più complicati per i politici dei Paesi che sostengono l’Ucraina potrebbe essere quello di mantenere o aumentare l’attuale livello di assistenza. Per diversi anni lOccidente dovrà ottenere e conservare un sufficiente sostegno pubblico per poter persistere con gli aiuti necessari di carattere militare, umanitario e di sviluppo politico destinati allUcraina.

L’Ucraina come compito di lunga data

La Russia continua con la sua aggressione e ha ripreso le attività belliche dopo un cessate il fuoco temporaneo. In questo senso, l’attuale e il futuro armamento completo e moderno dell’Ucraina significa molto di più che non solo muoversi in una dimensione tattica e a breve termine; non è solo necessario per una conclusione positiva dell’attuale controffensiva, per la riconquista dei territori occupati e per il raggiungimento di un accordo di pace con Mosca che sia accettabile per Kyiv. Armare l’Ucraina ha anche una dimensione strategica e a lungo termine.

Kyiv deve essere adeguatamente equipaggiata non solo per la durata degli attuali combattimenti, ma anche per il successivo interregno tra l’inizio del cessate il fuoco con Mosca e la successiva adesione dell’Ucraina all’Ue e alla Nato. Armi pesanti, organi di sicurezza funzionanti e garanzie internazionali sono necessari per porre fine alla guerra in corso e per prevenire la prossima. Anche dopo l’adesione alla Nato e all’Ue, l’Ucraina rimarrà uno Stato in prima linea. Questo finché la Russia continuerà a nutrire ambizioni revansciste. Per anni o addirittura decenni, sarà necessaria un’Ucraina ben armata, parte integrante a livello internazionale e socio-economicamente vitale per proteggere il confine orientale dell’Europa.

Argomenti idealistici e realistici

Per affrontare questa sfida, la comunicazione pubblica sugli obiettivi degli aiuti a Kyiv, sul significato globale della guerra russa, nonché sulle sue implicazioni di vasta portata riguardanti la sicurezza, deve essere messa in primo piano. Le argomentazioni “idealistiche” attualmente prevalenti sull’importanza della solidarietà, dell’empatia, dei valori europei e generali umani per l’assistenza all’Ucraina restano valide. Le norme fondamentali come il diritto degli ucraini all’autodeterminazione nazionale, la loro libertà di scelta collettiva e individuale e la loro difesa di una democrazia reale e non una messinscena fanno appello a persone di tutto il mondo. Inoltre, la natura terroristica della guerra di Mosca contro i civili ucraini, così come il regime omicida di occupazione russo nei territori ucraini conquistati, ha evocato simpatia per la nazione ucraina in tutto il mondo.

Tuttavia, i riferimenti alla necessità normativa di continuare a sostenere l’Ucraina devono essere integrati da approcci “realistici. Anche diversi interessi non ucraini, individuali, nazionali e transnazionali sono danneggiati dall’attacco della Russia e al contrario, difesi dal continuo sostegno occidentale a Kyiv. Gli alti costi di opportunità persi per l’Occidente e le altre nazioni e le varie gravi alternative per salvare l’Ucraina dovrebbero essere resi più chiari.

Difendere l’Ucraina per difendere la sicurezza globale

I vari vantaggi di una posizione e di una politica coerente da parte degli alleati dell’Ucraina devono essere resi più evidenti. L’assistenza militare e civile all’Ucraina non è solo una questione di solidarietà internazionale, ma anche di sicurezza nazionale per i Paesi che la sostengono. I portavoce dei governi nazionali e delle organizzazioni internazionali dovrebbero spiegare più spesso perché e come il loro sostegno rende più sicura non solo l’Ucraina, ma anche l’Europa e il mondo intero. Gli aiuti all’Ucraina hanno un impatto positivo sulla fiducia globale nel diritto, nelle organizzazioni e nella sicurezza internazionali.

In particolare, gli aiuti occidentali a Kyiv contribuiscono a mantenere il regime globale di prevenzione della proliferazione delle armi di distruzione di massa. Dal 2014, Mosca sovverte dimostrativamente la logica del Trattato di non proliferazione nucleare. Da quasi nove anni, uno Stato ufficialmente dotato di armi nucleari, la Russia, attacca uno Stato non dotato di armi nucleari, l’Ucraina, e lo terrorizza. In questo modo, il Cremlino sta minando la giustificazione del divieto del Trattato di non proliferazione nucleare di costruire e commerciare con armi nucleari per tutti gli Stati firmatari ad eccezione dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, tra cui la Russia.

Dal rinnovamento nazionale alla resilienza internazionale

L’aiuto occidentale all’Ucraina è stato finora un’operazione di salvataggio nella sua formulazione strategica, nella sostanza materiale e nella percezione pubblica. Tuttavia, il programma di ricostruzione è stato concepito fin dall’inizio sia dalle parti ucraine che da quelle occidentali come un programma lungimirante. Dovrebbe essere presentata ancora più chiaramente come un’agenda non solo di assistenza ma anche di rinnovamento, da cui emergerà un’Ucraina più moderna e di successo. Dare una sorta di “spin positivo” al sostegno occidentale a Kyiv ha un’importante dimensione psicologica per gli ucraini e gli stranieri che forniscono assistenza militare e civile dentro e fuori l’Ucraina.

Una ricostruzione risoluta dell’Ucraina che ricordi il Piano Marshall ha implicazioni di sicurezza che vanno oltre l’Europa orientale. La sua attuazione mostrerà agli attori potenzialmente espansionistici di tutto il mondo che l’aggressione militare non solo non raggiungerà i loro obiettivi. Le risposte internazionali agli attacchi contro gli Stati vulnerabili non avranno solo esiti negativi per l’aggressore, ma possono anche avere effetti positivi per le nazioni attaccate. Un effetto paradossale dell’aggressione sarà quello di rafforzare piuttosto che indebolire la posizione geopolitica della vittima. Anche lo stato interno del Paese attaccato sarà parzialmente migliorato, e non solo peggiorato, da un attacco militare contro di esso.

Un tale segnale non sarebbe vantaggioso solo per gli ucraini. Dovrebbe inoltre portare a un ordine internazionale più stabile, alla rassicurazione dei Paesi più piccoli e al rafforzamento del regime di non proliferazione. Il destino dell’Ucraina dovrebbe insegnare ai futuri potenziali aggressori e alle loro potenziali vittime tre semplici lezioni: (a) Non esiste il potere del più forte (b) Le regole internazionali vengono rispettate (c) Gli Stati potenti proteggono quelli più piccoli. In questo modo si rafforzano il diritto internazionale e l’organizzazione internazionale. Un conseguente aumento della sicurezza globale e della fiducia interstatale è nell’interesse di tutti.

Foto di copertina EPA/SERGEY DOLZHENKO

Ultime pubblicazioni