5 Dicembre 2022

Migrazioni e asilo: il grande potere contrattuale di Erdoğan

Se ci fossero ancora dubbi sul fatto che le migrazioni sono una questione geopolitica, questi dubbi sono stati superati con gli eventi di quest’anno. Nella guerra in Ucraina, le dimensioni di sicurezza militare, economica e migratoria sono state intrinsecamente collegate fin dall’inizio.

L’interconnessione tra migrazione, asilo e questioni di sicurezza è ancora una volta dimostrata dal dibattito in corso sull’espansione della Nato, una delle conseguenze della guerra. L’audacia delle azioni della Russia e la vicinanza della minaccia hanno spinto Svezia e Finlandia a rinunciare alla loro tradizionale neutralità e a chiedere l’adesione alla Nato.

La necessità di ottenere il consenso degli attuali membri dell’alleanza, a sua volta, ha dato al Presidente turco Erdoğan la possibilità di strappare alcune concessioni e di sottolineare pubblicamente la sua importanza, il che non guasta con le elezioni alle porte.

Turchia-Europa: do ut des

Per almeno 10 anni, il rapporto tra la Turchia, da un lato, e l’Ue o il resto dell’Europa, dall’altro, è stato altamente transazionale, basato principalmente su una serie di contropartite. Il processo di adesione alla Nato non è diverso, e la migrazione e la protezione dei rifugiati sono ancora una volta al centro degli accordi in corso.

Dopo che è apparso chiaro che la Turchia avrebbe messo un prezzo sul suo accordo sull’adesione di Svezia e Finlandia, sono iniziate le speculazioni su cosa sarebbe stato richiesto. Alcune informazioni sono fornite nel Memorandum firmato dai tre Paesi, ma, come nel caso dell'”accordo Ue-Turchia”, alcuni dei benefici più importanti rimangono non dichiarati.

Estradizione e l’erosione dei diritti umani

Una delle richieste avanzate è l’estradizione di rappresentanti politici curdi dalla Svezia alla Turchia, accusati di reati di terrorismo dal governo turco, insieme ad altre misure per limitare le attività del PKK in Svezia. Il numero di persone richieste dalla Turchia è passato da 33 al momento della firma del memorandum a 73 la scorsa settimana. La richiesta ha incontrato una seria opposizione, a ragione.

Senza commentare il conflitto e i processi di pace in stallo tra il governo turco e i gruppi curdi, sorgono preoccupazioni sul trattamento delle persone interessate, qualora venissero estradate. Avrebbero un processo equo? Rischierebbero di subire danni? Potrebbe essere violato il principio di non respingimento?

La Svezia ha cercato di creare una “clausola di uscita” con il suo riferimento al giusto processo e al diritto europeo. A seconda di chi sono le persone in questione (ci sono ipotesi ma non un elenco definitivo) e del loro status giuridico in Svezia, l’estradizione potrebbe essere contestata per motivi legati ai diritti umani, sulla base della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, e/o in relazione al non respingimento e al diritto di asilo ai sensi della legislazione dell’Ue in materia di asilo letta insieme alla Carta dei diritti fondamentali.

Il dilemma è se la Turchia accetterà che probabilmente nessuna delle persone interessate possa essere legalmente estradata. E cosa si dovrà offrire al loro posto. È preoccupante che la questione venga anche solo presa in considerazione e, nell’attuale contesto in cui la sicurezza è percepita come prioritaria rispetto a tutto il resto, c’è il rischio che vengano fatte alcune concessioni su questi sospetti/dissidenti, che potrebbero erodere gli standard di protezione.

Espulsione dalla Turchia

Un altro elemento dell’accordo sull’espansione della Nato che ha implicazioni per la protezione dei rifugiati è meno esplicito e riguarda la minacciata operazione militare turca in Siria. I piani sembrano abbastanza avanzati, anzi, almeno per quanto riguarda Tel Rifaat, potrebbero essere già in corso, nell’ambito di quella che sarebbe la quarta operazione militare in Siria da parte della Turchia dal 2016. L’obiettivo dichiarato, come per le operazioni precedenti, è quello di contrastare la minaccia dell’YPG, considerato dalla Turchia come una branca del PKK, e di creare ulteriori “zone sicure” come cuscinetto da questa minaccia.

Un cambiamento importante dal 2016 è l’aumento dell’ostilità verso i rifugiati siriani da parte della popolazione turca e la misura in cui è diventata una questione politica. Questo sentimento anti-rifugiati deriva in parte dall’enorme numero di rifugiati ospitati dalla Turchia – più di qualsiasi altro Paese al mondo – che a sua volta deriva… dalla politica dell’Ue e dalla sua decisione di esternalizzare la responsabilità alla Turchia e di comprare il suo sostegno. Con il mutato stato d’animo interno della Turchia, la deportazione dei rifugiati nelle zone “sicure” è una prospettiva più probabile di prima.

Le azioni della Turchia al confine e in Siria non sono esplicitamente legate all’adesione dei Paesi nordici alla Nato. Tuttavia, è ben chiaro a tutti che la Turchia ha carta bianca per fare ciò che vuole in Siria. La questione della Nato rende ancora meno probabile che l’azione della Turchia sia accolta da obiezioni. Attualmente l’Iran è il Paese più attivo nel cercare di limitare la portata dell’azione turca in Siria a causa dei propri interessi, con recenti visite ad Ankara del suo Ministro degli Esteri.

Il nuovo accordo sull’espansione della Nato si svolge in un contesto di continua dipendenza dell’Ue dalla Turchia, a causa della sua accoglienza dei rifugiati e del suo ruolo nell’impedire il loro movimento verso l’estero (il fulcro dell’accordo del 2016) e, allo stesso tempo, di un numero crescente di persone provenienti dalla Turchia stessa che cercano asilo nell’Ue.

Retorica o azione?

Non è chiaro cosa succederà. Per quanto riguarda la richiesta di estradizione, una via d’uscita potrebbe essere ancora possibile. Molte delle azioni di Erdogan sono finalizzate a giocare con il pubblico interno, vista la dura competizione elettorale che si prospetta.

Oltre a diventare transazionale, la relazione tra la Turchia e il resto d’Europa è anche molto performativa: si manifesta pubblicamente con dichiarazioni antagoniste e dure da parte di ciascuno contro l’altro. Allo stesso tempo, ci sono strati di connessioni e cooperazione sotto la superficie – sulla sicurezza, sugli investimenti, sulle questioni doganali e sull’accesso al mercato – e le transazioni a questi livelli sono importanti quanto le “dichiarazioni” pubbliche, i “promemoria” e la retorica che li accompagna. Forse si può raggiungere un accordo su una questione separata per evitare l’insistenza sull’estradizione delle persone identificate. C’è da sperare, perché il precedente sarebbe allarmante.

Per quanto riguarda la situazione in Siria e il rischio di deportazione, l’influenza è limitata e la propensione a usarla è ancora minore. Le elezioni e la possibile fine del mandato di Erdoğan, con le relative implicazioni per i numerosi accordi intrapresi, creano ulteriori incertezze.

Purtroppo, ciò che è molto chiaro è che in questa relazione complessa e intricata, quando geopolitica e migrazione si uniscono, i diritti degli sfollati e dei rifugiati tendono a soffrirne.

Foto di copertina EPA/TURKISH PRESIDENT PRESS OFFICE HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Ultime pubblicazioni