IAI

SILVANA PARUOLO Introduzione all’Unione europea (Oltre la sfida del 2014)

Tra i numerosi manuali sull’Unione europea, l’ultimo libro di Silvana Paruolo, giornalista ed esperta della materia, valorizza il ruolo dell’Ue di potenza democratica e civile, offrendo un punto di vista esterno alle istituzioni comunitarie.

Il corposo volume si apre con una ricostruzione degli avvii e della storia dell’integrazione europea: dai Trattati di Roma fondativi delle Comunità europee a quello di Maastricht che creò l’Unione, fino al Trattato di Lisbona attuale.

La Paruolo ripercorre il processo di allargamento e arriva a toccare temi di maggiore attualità come le politiche economiche tra austerità e crescita e anche il fenomeno dell’euroscetticismo che guadagna terreno nei Paesi membri.

Vi sono pure riflessioni approfondite sulle politiche ambientali e sulla politica estera, di difesa e di sicurezza comune e infine sul rapporto dell’Unione con i suoi partner esteri e sulle politiche di vicinato, ad Est e nel Mediterraneo.

L’autrice rileva che l’obiettivo dei padri fondatori di realizzare un’Unione funzionalista è stato realizzato: oggi, l’Ue si presenta come una realtà economica e commerciale con una precisa, e complicata, ingegneria istituzionale.

Sul terreno dei diritti sono stati fatti grandi passi in avanti, sullo zoccolo duro fondamentale, nell’ambito del Consiglio d’Europa, della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali che risale al 1950 e delle quattro libertà sancite dai Trattati di Roma – di circolazione delle persone, dei beni, dei servizi e dei capitali-, fino al riconoscimento della cittadinanza europea.

Il tutto salvaguardato, nelle loro rispettive competenze, dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo e dalla Corte di Giustizia europea di Lussemburgo.

L’Europa resta all’avanguardia anche nella tutela dei diritti sociali e sindacali. L’ultimo capitolo esplora il ruolo dei sindacati in Europa – la Confederazione europea dei Sindacati ha proposto un’ipotesi di Piano d’investimenti Ue per una politica industriale sostenibile – e nel resto del mondo.

Questo retroterra giuridico e culturale pare tuttavia insufficiente oggi, che l’Unione è di fronte ad una nuova sfida: rafforzare i vincoli comunitari riuscendo a conciliare rigore e crescita economica, in termini solidali e sostenibili, dopo che l’ultima crisi finanziaria globale ha indebolito le economie dei Paesi membri, mettendo in difficoltà il sistema.

Da qui la necessità di completare un’Unione monetaria e bancaria e di creare una governance dell’economia che possa gestire il “moral hazard” di Wall Street e della finanza spregiudicata.

Il filo conduttore del volume è riscoprire lo spirito originario dell’Unione, basato sui principi di solidarietà e sussidiarietà, quanto mai indispensabili oggi per sconfiggere definitivamente gli egoismi nazionali ed euroscettici e per favorire quell’Unione politica e sociale finora tanto auspicata e mai realizzata.

Silvana Paruolo, Introduzione all’Unione Europea (Oltre la sfida del 2014), Pubblicato dall’Autore, 2014, 560 pagine.