IAI

PAOLO EMILIO PETRILLO, Lacerazione/DerRiss – 1915-1943: i nodi irrisolti tra Italia e Germania

Lacerazione/DerRiss – 1915-1943: i nodi irrisolti tra Italia e Germania, di Paolo Emilio Petrillo

Il saggio tratta il tema delicato dell’impatto del proclama Badoglio visto in chiave tedesca: ovvero come venne accolto in Germania, soprattutto tra i combattenti, l’annuncio dell’armistizio. L’autore tramite fonti stampa e interviste a veterani tedeschi ancora in vita ci presenta le reazioni teutoniche (sconosciute agli italiani) all’8 settembre 1943.

L’ambasciatore Luigi Vittorio Ferraris nella sua prefazione mette in luce principalmente due aspetti da non trascurare durante la lettura dell’opera: intanto le testimonianze degli attori, “semplici e quindi esemplari”, che vanno meditate riflettendo sul disorientamento e sulle sensazioni dei soldati che vedevano da un giorno all’altro un alleato diventare nemico.

Inoltre, le impressioni e i ricordi di quel giorno non dovrebbero creare distanza tra due paesi europei che hanno avuto senza interruzioni rapporti (anche se non sempre buoni) per circa duemila anni e che vivono da stati democratici e liberali in un’Europa unita.

Se non mancano momenti affettuosi verso l’Italia, specie da parte dei soldati che vi combatterono, il tema ricorrente di questo lavoro è quello dell’inaffidabilità italiana, che trova massima espressione proprio nel giorno dell’armistizio – a sorpresa, per i tedeschi e non solo per loro – con gli alleati.