IAI

Maria Pia Di Nonno, Europa. Brevi ritratti delle Madri Fondatrici

Nella fase di crisi che l’Unione europea sta attraversando, il saggio di Maria Pia Di Nonno offre uno spiraglio d’ottimismo e d’idealismo: fa in breve il ‘ritratto’ di nove donne che hanno dedicato gran parte della loro vita al tentativo di realizzare un’idea diversa di Europa e la cui importanza viene invece spesso dimenticata.

Già nel volume “Per i giovani europei. Intervista a Mamma Erasmus” (2016) l’autrice aveva raccontato la storia e la personalità di Sofia Corradi, celebrata e nota affettuosamente con l’appellativo di Mamma Erasmus per il ruolo fondamentale che ebbe nell’ideazione e nel lancio del più importante progetto di scambio interuniversitario europeo, appunto l’Erasmus.

Alla base del percorso di ricerca sulle Madri Fondatrici d’Europa c’è evidentemente il tentativo di valorizzare la storia come strumento utile e necessario a rendere i cittadini europei maggiormente consapevoli della propria memoria condivisa.

Attraverso l’evocazione della vita di donne che, sessant’anni fa, intuirono la possibilità di costruire sulle macerie della seconda guerra mondiale un’Europa unita, e soprattutto migliore, la Di Nonno intende stimolare la speranza di potere raccontare anche per il futuro una storia d’Europa fatta di pace e di collaborazione, di creatività e di solidarietà tra i popoli che la costituiscono uniti da un reale sentimento di condivisione e di comunità.

‘Europa. Breve ritratti delle Madri Fondatrici’, di Maria Pia Di Nonno, Comunità editrice, Roma, 2017, 49 pagg, 10 euro.