IAI

Il terrorismo si vince con la forza dei principi

Brian Jenkins è uno dei maggiori esperti mondiali di terrorismo, che studia da più di quarant’anni, cioè da quando è arrivato alla Rand come esperto di insurrezioni e guerriglia. Questo suo agile libretto raccoglie un po’ la summa della sua esperienza, ma è soprattutto un grido di dolore su come gli Usa hanno sinora impostato la loro “guerra al terrore” e una sintetica e chiara descrizione di cosa invece andrebbe fatto.

Al centro di tutto c’è la consapevolezza che questa guerra non può essere vinta solo con l’uso della forza militare e soprattutto che è profondamente sbagliato impostare una strategia anti-terrorista secondo canoni militari. Il problema principale non è quello di uccidere o neutralizzare singoli terroristi, bensì quello di vincere la battaglia politica per il consenso nel mondo islamico e riuscire a disarticolare quanto più possibile i legami di solidarietà all’interno dei gruppi terroristici.

Ad esempio, i prigionieri di Guantanamo non dovrebbero essere visti semplicemente come “nemici”, ma come potenziali “amici” o quanto meno alleati di comodo. È più importante assicurarsi la cooperazione di un singolo terrorista che torturarne mille per ottenere notizie di dubbia utilità.

Anche perché, per vincere una tale guerra, bisogna tenere alta la barra dei principi, dimostrando così che la società occidentale è più forte e migliore di quella voluta dai terroristi. Questo è uno dei casi in cui la difesa dei principi e il perseguimento del proprio interesse vanno di comune accordo.

Ogni strategia anti-terrorista è per sua natura complessa e articolata, ma è un grave errore autolimitare le proprie azioni sulla base di premesse ideologiche sbagliate. È un errore, ad esempio, pensare che i terroristi non possano essere “dissuasi”: il vero problema è invece individuare correttamente le loro vulnerabilità, per agire su di esse (Jenkins pensa ad esempio che dovrebbe essere possibile compiere azioni dissuasive di successo interferendo intelligentemente nelle attività di reclutamento e addestramento, e in altre occasioni).

Nel complesso questo è un libro tutto da leggere, che consente di compiere un salto qualitativo importante nella comprensione del fenomeno terrorista e delle strategie migliori per contenerlo e combatterlo.

Brian Michael Jenkins, Unconquerable Nation: Knowing Our Enemy, Strengthening Ourselves, RAND Corporation, Santa Monica, CA, 2006. Pagine 236, Prezzo US $ 19,95.