IAI

La Turchia non giustifichi la detenzione di Osman Kavala

Ripubblichiamo l’appello che, insieme ad altri, il direttore dello IAI Nathalie Tocci ha firmato il 30 gennaio 2020 sul Financial Times per chiedere l’immediata liberazione dell’attivista turco Osman Kavala. Traduzione a cura della Redazione.

In una lettera pubblicata il 7 novembre 2017 sul Financial Times (e riproposta anche su AffarInternazionali, ndr), abbiamo fortemente criticato la detenzione del tutto ingiustificata del principale filantropo turco Osman Kavala. Da allora è incarcerato. Adesso anche la Corte europea dei diritti dell’uomo ha confermato la nostra valutazione.

Osman - Kavala

Kavala, insieme ad altri 15, è accusato ai sensi dell’articolo 312 del codice penale turco e rischia l’ergastolo. L’articolo riguarda il rovesciamento del governo attraverso la violenza. La Corte di Strasburgo osserva con stupore che l’atto d’accusa non contiene alcuna doglianza in merito all’uso della forza, e che anche gli interrogatori della polizia non contengono domande sulla violenza. Anzi, la Corte conclude che tutte le attività di Osman Kavala costituiscono azioni garantite dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e ne chiede l’immediato rilascio.

Kavala ha già trascorso ingiustamente 800 giorni dietro le sbarre, eppure i tribunali turchi – e soprattutto, dobbiamo concludere, i loro padroni politici – si sono rifiutati a rilasciarlo.

Nelle scorse settimane, 12 associazioni di avvocati, che rappresentano i due terzi di tutti gli avvocati in Turchia, hanno pubblicato una dichiarazione congiunta che condanna il 30° tribunale penale di Istanbul per la sua arbitrarietà senza precedenti e le gravi violazioni del diritto processuale. La Corte, da par suo, non ha preso alcun provvedimento conseguente e ha anzi condannato Osman Kavala a continuare la detenzione.

Nel trattamento riservato a Kavala, la Turchia ha chiaramente violato gli impegni assunti nell’ambito della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e si è allontanata da quasi tutti gli amici che aveva un tempo in Europa.

Carl Bildt

Timothy Garton Ash

Ivan Krastev

Kalypso Nicolaidis

Claus Offe

Chris Patten

Javier Solana

Nathalie Tocci