IAI

DAN LUCA – European Union: views from Brussels

Cosa ne sarà dell’Unione europea nei prossimi dieci anni? Quanto profonda sarà l’integrazione dei 28 stati membri? Possiamo realmente parlare di una sfera pubblica europea?

Questi sono alcuni dei quesiti cui Dan Luca tenta di dare una risposta nel suo volume European Union: views from Brussels, concentrandosi in particolare, lui romeno, sul caso della Romania. Entrata a fare parte dell’Unione oltre sette anni fa, essa costituisce la prova dell’esistenza di molti vuoti nell’adattamento dei meccanismi europei ai nuovi membri.

Il libro, come lo definisce il professor Vasile Puscas, politico e diplomatico romeno, è un esercizio di comunicazione europea, sia per i cittadini europei sia per gli esperti di politica europea, che si sviluppa nel segno di una grande fiducia dell’autore nella validità del progetto d’integrazione. Il messaggio centrale è che i cittadini di tutti gli stati membri chiedono cambiamenti strutturali all’interno dell’Unione europea.

Come si legge nella prefazione di Hannes Swoboda, presidente del gruppo dell’Alleanza progressista e dei democratici del Parlamento europeo, uno dei più frequenti ostacoli all’obiettivo dell’Unione di creare un sentimento europeo tra i cittadini, è la costante impressione che a Bruxelles le decisioni vengano prese dall’alto, senza prestare attenzione alle richieste che provengono dalla cittadinanza.

Proponendo una raccolta di articoli e saggi, Dan Luca intende dunque colmare il vuoto comunicativo tra l’Unione europea e il suo Paese, creato da una moltitudine di fattori tra cui la sfida al multilinguismo e la prevalenza degli interessi nazionali nei media.

La decisione di assumere il punto di vista dei cittadini europei porta l’autore a concludere che, sebbene essi nutrano molta fiducia nel proprio ruolo di attori socio politici dell’Unione europea, parallelamente non credano più nella forma attuale di questa istituzione.

Secondo Dan Luca, infatti, la “generazione Erasmus” dei giovani contemporanei, vuole una nuova Unione europea, che sappia dare delle risposte coerenti sul piano istituzionale e muoversi con agilità nel complesso spazio della globalizzazione.

L’autore ha lavorato come esperto di politica europea per vent’anni, tra Cluj (Romania), Bucarest e poi Bruxelles. Nel 2003 ha partecipato alla fondazione del portale di comunicazione EurActiv- Romania e nel 2004 ha fondato la propria società di consulenza DL International a Bruxelles. Attualmente è professore associato all’Istituto universitario internazionale per gli Studi europei di Gorizia e alla Scuola nazionale di Studi politici e amministrazione pubblica a Bucarest.

Dan Luca, European Union: Views from Brussels, Editura Qual Media, 2013, pp. 246.