IAI

A fianco di Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa (Obct)

AffarInternazionali esprime il proprio sostegno ad Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa (Obct) e a tutto il Centro per la cooperazione internazionale per la fase drammatica che si trovano ad affrontare.

A fronte del rifiuto manifestato dalla Provincia Autonoma di Trento – socio fondatore del Centro e suo principale finanziatore strutturale – di rinegoziare i radicali tagli di budget decisi per il 2020, 2021 e 2022, venerdì 13 dicembre il presidente del Centro ha deciso di rassegnare le dimissioni ed è stata avviata una procedura di licenziamento collettivo.

Una grave situazione che rischia di privare il Paese di un patrimonio inestimabile di competenze e attività consolidate in decenni di lavoro sulle trasformazioni politiche, sociali e culturali dell’Europa sud-orientale, regione su cui i riflettori di Obct non si sono in questi anni mai spenti, anche attraverso puntuali aggiornamenti, reportage e analisi che, nel quadro di una partnership consolidata ormai da anni, hanno trovato spazio anche sulle nostre pagine online.

Proprio in un momento in cui Turchia e Russia si ergono ad attori geopolitici di un mondo multipolare e l’Unione europea non sembra in grado di prendere una decisione sul futuro dell’allargamento ai Balcani occidentali, il lavoro di Obct non potrebbe essere più prezioso per la comprensione di dossier articolati e anche per fornire un quadro analitico al sistema Paese.

Ci auguriamo che il nuovo anno porti migliori consigli e che l’unicità del Centro per la cooperazione internazionale di Trento e di Obct possa essere valorizzata come merita.