– 92: Obama e Trump si contendono il successo spaziale della Crew Dragon

3 Ago 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

Litigio ‘spaziale’ tra Donald Trump e Barack Obama: l’attuale presidente e il suo predecessore s’attribuiscono entrambi il successo della missione della capsula spaziale Crew Dragon di SpaceX, la società che fa capo a Elon Musk, l’imprenditore visionario della Tesla, l’auto elettrica.

Crew Dragon è tornata sulla Terra dopo avere raggiunto la Stazione spaziale internazionale, ammarando nel Golfo del Messico con a bordo i due astronauti Robert Behnken e Doug Hurley.

“Bentornati a casa @AstroBehnken e @Astro_Doug!”, li saluta Obama, ricordando che era stato lui a lanciare il progetto Commercial Crew “per rafforzare il programma spaziale statunitense”: “È grandioso vederne il successo”. “Questa storica missione Nasa, SpaceX -, aggiunge l’ex presidente – è il simbolo di cosa l’ingegnosità e l’inventiva degli americani può raggiungere”.

Poco prima su Twitter aveva esultato Trump: “Gli astronauti hanno compiuto il primo ammaraggio in 45 anni! Molto emozionante! … Grandioso avere astronauti della Nasa di ritorno sulla Terra dopo una missione di due mesi di grande successo. Grazie a tutti!”.

La navicella Crew Dragon è ammarata in perfetto orario, dopo essere rientrata nell’atmosfera ed aver aperto i suoi paracadute senza alcun problema. È stato il primo ammaraggio d’un veicolo spaziale Usa dal 1975, cioè dalla missione Apollo-Soyuz. Dopo di allora, le navette spaziali Nasa erano sempre rientrate dalle loro missioni atterrando.

Il viaggio di ritorno dalla Iss di Behnken e Hurley è durato 19 ore. I due erano partiti il 30 maggio, col primo lancio d’un veicolo commerciale verso la stazione orbitante. La missione di Crew Dragon, chiamata Demo-2, è stata anche il primo lancio di astronauti effettuato dal suolo Usa dal 2011.

Il successo spaziale non cancella i problemi terreni di Trump. La decisione repubblicana di bandire la stampa dalla convention di fine agosto irrita i giornalisti. Per l’Associazione dei corrispondenti dalla Casa Bianca è “sconsiderata”: “Il partito repubblicano dovrebbe riconsiderare la questione”, afferma il presidente Zeke Miller: “La nomination è un affare che riguarda gli americani”.

La messa al bando della stampa dalla convention è legata all’epidemia di coronavirus, le cui cifre, come spesso accade la domenica, hanno ieri conosciuto un rallentamento: oltre 47.500 contagi e poco più di 500 decessi. I dati della Johns Hopkins University, alla mezzanotte sulla East Coast, indicano che gli Stati Uniti avevano complessivamente 4.668.000 casi e quasi 154.860 mila morti.

In una intervista alla Cnn, la virologa Deborah Birx, referente scientifico, insieme a Anthony Fauci, della task force della Casa Bianca, ha detto che l’epidemia non è ancora sotto controllo perché troppi americani si muovono: “Siamo in una nuova fase … , diversa da marzo e aprile”, “stiamo assistendo a una diffusione straordinaria dei contagi nelle città e nelle zone rurali, che finora credevamo più protette o immuni dal virus”.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia