– 266: voto in New Hampshire, Sanders spera nel balzo

11 Feb 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

Ha le ali ai piedi in questo momento la candidatura di Bernie Sanders alla nomination democratica: il senatore del Vermont supera per la prima volta a livello nazionale Joe Biden in un sondaggio – quello della Quinnipiac University -. Sorprende il vantaggio di otto punti, 25% a 17%, come pure l’avanzata di Mike Bloomberg (terzo al 15%) con Elizabeth Warren al 14% e Pete Buttigieg al 10%.

Raccolti dopo i caucus dello Iowa e pubblicati alla vigilia delle primarie nel New Hampshire, che si svolgono oggi, i dati possono in qualche modo condizionare i risultati, alimentando le speranze di Sanders e i timori di Biden.

Poche ore prima del voto nello Stato del Granito, la battaglia fra gli aspiranti democratici è stata mediaticamente ‘disturbata’ dall’arrivo a Manchester, per un comizio, del presidente Donald Trump, che twitta: “Voglio scuotere un po’ i democratici e la loro noiosa campagna”.

Sanders ha chiuso in crescendo: “Noi siamo i migliori per sconfiggere Donald Trump, per la natura della nostra campagna e grazie al sostegno diffuso di una rete di piccoli finanziatori”, diversamente dai suoi rivali. “Io non mentirò agli americani ogni giorno come l’attuale presidente”, dice Sanders, che poi lancia un affondo contro Buttigieg, che nello Iowa ha preso più delegati di lui: “Io non ho contributi da ceo di case farmaceutiche o da magnati di Wall Street… Voi siete i miei finanziatori”, dice rivolgendosi alla folla dei fan.

Mentre Sanders infiamma le folle, ma si rifiuta di pubblicare le sue cartelle cliniche dopo l’infarto dello scorso autunno, Biden cerca di frenare la corsa verso la nomination democratica di Buttigieg rinfacciandogli il suo passato da sindaco di una cittadina dell’Indiana che licenziava poliziotti e vigili del fuoco neri: con un post che fa milioni di contatti, l’ex vice-presidente di Barack Obama, che non è certo un drago dei social, denuncia il cattivo rapporto di ‘Mayor Pete’ con le minoranze, quali che esse siano. E un democratico non arriva alla Casa Bianca se neri e ispanici non lo appoggiano e non lo vanno a votare in massa.

In New Hampshire, la campagna democratica s’è spaccata in due: Buttigieg, ‘il nipote d’America’, e Sanders, il ‘nonno del Vermont’, puntano a consolidare la leadership appena conquistata nello Iowa, mentre i loro rivali, Biden, Warren e Klobuchar, cercano di rallentarli, sperando che le tappe della South Carolina, del Nevada e del Super-Tuesday segnino un’inversione di tendenza a loro pro. Diverso il discorso per Mike Bloomberg, che resta ancora alla finestra: lui esordirà il 3 marzo.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia.