– 254: in Nevada vince Sanders, tutti avanti

23 Feb 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

Bernie Sanders vince ancora e vince largo: nei caucus del Nevada, dove il conteggio dei voti fila liscio, il senatore del Vermont ottiene quasi il 50% dei suffragi – 46,6% a spoglio ancora in corso -, ‘stracciando’ i rivali.

Joe Biden è secondo – per la prima volta sul podio -, con quasi il 20% (19,2%), Pete Buttigieg terzo al 15,4%. Non bene Elizabeth Warren appena sopra il 10% e Amy Klobuchar, poco sopra il 5%.

I risultati del Nevada, che assegnano 36 dei 48 delegati dello Stato alla convention democratica, confermano e consolidano la posizione di battistrada di Sanders nella corsa alla nomination, che resta, però, molto aperta – i delegati finora assegnati sono circa il 3% del totale -. Il prossimo test sarà sabato prossimo in South Carolina; poi, ci sarà il Super Tuesday del 3 marzo. In un colpo solo, quel giorno saranno in palio quasi un terzo dei delegati; e ci sarà sulle schede, per la prima volta, Mike Bloomberg.

Sanders attira più della Warren i voti della sinistra del partito, mentre il centro non sembra avere ancora scelto il proprio campione tra Biden, Buttigieg e Klobuchar, con Bloomberg che per ora fa da oggetto misterioso.

Al momento dello spoglio dei voti, Sanders stava già facendo campagna a San Antonio, in Texas, uno degli Stati dove si vota il 3 marzo: “Abbiamo vinto il voto popolare in Iowa – dove, però, Buttigieg ha ottenuto più delegati, ndr -, abbiamo vinto le primarie in New Hampshire, i caucus del Nevada. Vinceremo le primarie anche in Texas, vinceremo in tutto il Paese, perché gli americani sono stanchi di un presidente che dice bugie, che mette a rischio la democrazia e che non ha mai letto la Costituzione”.

Nessuno dei suoi rivali getta, però, le armi. Biden mostra fiducia: “Vinceremo in South Carolina e poi al Super Tuesday“. Pete Buttigieg si congratula con Sanders per la vittoria in Nevada, ma mette in guardia sui rischi di una possibile nomination del senatore ‘socialista’. “Dobbiamo battere Trump e aprire una nuova pagina nella nostra storia, ma la rivoluzione di Sanders taglia fuori molti di noi”.

Warren continua ad attaccare Bloomberg, come ha fatto con buon successo nell’ultimo dibattito:  “È il candidato più rischioso per i democratici, non può battere Trump … Non vogliamo sostituire un arrogante alla Casa Bianca con un altro arrogante … Queste elezioni non sono in vendita”. Quanto a Klobuchar, si accontenta di poco: “Come al solito, abbiamo superato le attese”.

Lato repubblicano, Trump è di fatto senza rivali per la nomination. In tv Robert O’Brien, consigliere per la sicurezza nazionale, smentisce l’intelligence sulle interferenze russe pro magnate presidente: “Non ci sono prove che la Russia sia interferendo con le elezioni per sostenere Trump”; per contro, non sarebbe “una sorpresa” se Mosca cercasse di aiutare Sanders.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia