– 200: Warren sogna da vice e Trump vuole riaprire presto

17 Apr 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

Elizabeth Warren, che ha appena dato il suo endorsement a Joe Biden, non desiste: lei vuole entrare alla Casa Bianca, adesso da vice di Biden. Si candida in tv, rispondendo a una precisa domanda. Ma la lista delle pretendenti è lunga – Biden ha già detto che sceglierà una donna nel ticket -: fra le ex aspiranti alla nomination democratica, oltre a Warren, ci sono Kamala Harris e Amy Klobuchar; e in tv s’è appena proposta anche Stacey Abrams, afro-americana ex deputata della Georgia.

La senatrice del Massachusetts, che garantirebbe a Biden una sponda progressista, è pronta a fare ticket con l’ex vice di Obama se il candidato democratico glielo chiederà: Warren ha risposto così, senza alcuna esitazione, a una domanda di Rachel Maddow, conduttrice della MsNbc. Anche Abrams s’è fatta avanti allo stesso modo: “Sarei un’ottima vice e, in una campagna elettorale, sono capace di motivare frange che si sentono trascurate”, ha detto in sostanza in un’intervista tv.

La corsa femminile a entrare nel ticket democratico s’accende nel giorno più nero della pandemia negli Stati Uniti: 4.591 decessi giovedì, quasi il doppio del record precedente di 2.569 morti, secondo una estrapolazione del Wall Street Journal, mentre i dati della Johns Hopkins University danno un numero di vittime complessivo intorno alle 32 mila e di contagiati superiore a 670 mila, su un totale mondiale di oltre due milioni.

Ma il presidente Donald Trump, di fronte ai dati disastrosi dell’economia e della disoccupazione, vuole riaprire l’America il primo maggio con un piano in tre fasi e dice ai governatori che chi lo vorrà potrà farlo pure prima, indicando che 29 Stati su 50 possono agire in tempi brevi su aziende, scuole, attività quotidiane. Per tutta risposta, Andrew Cuomo, il governatore dello Stato di New York, il più colpito, proroga fino al 15 maggio il lockdown delle attività non essenziali. Due terzi degli americani, il 65%, criticano la risposta iniziale, giudicata troppo lenta, di Trump all’epidemia.

Nel contempo, gli americani del Mid-West e del Far West e pure quelli del Sud ne hanno abbastanza di #stayhome: protestano a Lansing, capitale del Michigan, e in Wyoming, North Carolina, Kentucky. Nell’occhio del ciclone c’è la governatrice democratica del Michigan Gretchen Whitmer, le cui misure anti-coronavirus sono giudicate “tiranniche” da libertari e ‘alt-right’ del suo Stato, che ne circondano gli uffici con caroselli di auto e pickup, suonando il clacson e scandendo slogan come “La sicurezza senza libertà è una prigione” e “La libertà persa una volta è persa per sempre”. La protesta ha un nome: ‘Operazione Gridlock’, ingorgo.

Il Michigan conta circa 27 mila contagiati e quasi 1.800 morti. La protesta civile è iniziata giorni fa, quando la Whitmer ha prolungato il lockdown di un altro mese e ha varato anche nuove restrizioni, vietando ad esempio gli spostamenti nelle seconde case e le riunioni familiari.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia