– 197: la Corea del Nord smentisce la lettera di Kim a Trump

20 Apr 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

La Corea del Nord smentisce Donald Trump e la Cnn e altre tv nazionali Usa cessano di diffondere in diretta per intero il briefing quotidiano del presidente sull’andamento dell’epidemia negli Usa, giudicandolo propaganda politica. Ma Trump insiste a vantare progressi e successi e avalla di nuovo le proteste anti-lockdown in diversi Stati.

I dati della Johns Hokins University indicano che i decessi da coronavirus sono stati ieri, domenica, 1.997 – la media, da una settimana in qua, è sopra i duemila al giorno – e che il totale delle morti ha ormai superato le 40 mila e s’avvia a superare le 41 mila; i contagi confermati sono 760 mila. Oltre 69 mila sono gli americani completamente guariti, secondo il vice-presidente Mike Pence, che guida la task force Usa contro l’epidemia.

Nel briefing di sabato, Trump aveva detto d’avere avuto “una bella lettera” dal leader nord-coreano Kim Jong-un. Stamane, la Corea del Nord ha negato che Kim abbia recentemente scritto a Trump: una nota del ministero degli Esteri di Pyongyang, riportata dall’agenzia ufficiale Kcna, riferisce che “la nostra massima leadership non ha inviato alcuna lettera al presidente degli Stati Uniti”. La Kcna ipotizza che Trump facesse “riferimento alle lettere personali che sono state scambiate in passato, non ne siamo sicuri”; ma, aggiunge, le relazioni tra i leader degli Stati Uniti e della Corea del Nord “non sono problema da affrontare solo per distrarre, né devono essere utilizzate in modo improprio per raggiungere obiettivi personali”.

Nel briefing di ieri – la Cnn non ne trasmette più la prima parte, dove il presidente parla senza contraddittorio, e si collega solo quando comincia il botta e risposta con i giornalisti presenti -, Trump ha detto: “Gli Usa continuano a fare costanti progressi nella guerra contro il coronavirus”; e ha annunciato per oggi un collegamento con i governatori, condotto da Pence, per valutare come procedere nella risposta all’emergenza.

Durante il briefing del presidente, sono stati proiettati alcuni passaggi di quello del governatore dello Stato di New York, il democratico Andrew Cuomo, che ringraziava Trump per gli aiuti avuti e lodava gli “sforzi straordinari” e la partnership con il governo federale, dopo giorni di duri scontri. Le battute di Cuomo sono state usate come spot pro-presidente, auto-assoltosi dalle accuse mossegli da molti governatori.

Quanto ai manifestanti anti-lockdown, Trump ha di nuovo detto: “Sono liberi di protestare”, anche perché “alcuni governatori sono andati troppo oltre” nelle misure di contenimento del contagio. Secondo il presidente, i protestatari “hanno rispettato il distanziamento sociale”, ma l’affermazione è smentita dai filmati di molte proteste, tra cui quelle in Michigan e in Texas. A manifestare sono poche centinaia di persone, ma non sono affatto distanziate.

Anche ieri, dopo gli eventi di sabato ad Austin, Annapolis e Indianapolis, ci sono state contestazioni  a Olympia, la capitale dello Stato di Washington.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia