– 148: da Powell a Romney, la fronda repubblicana punta i piedi contro Trump

8 Giu 2020 - Diario Americano USA 2020 di Giampiero Gramaglia

Il candidato democratico Joe Biden sarà oggi a Houston, in Texas, per un incontro con la famiglia di George Floyd, l’afro-americano di 46 anni ucciso dalla polizia a Minneapolis il 25 maggio e la cui morte ha innescato le proteste anti-razziste e le tensioni razziali delle ultime due settimane.

Un messaggio registrato dell’ex vice-presidente di Barack Obama sarà trasmesso, domani, durante la cerimonia funebre nella città d’origine di Floyd – Biden non vi parteciperà di persona -.

Un appello a combattere chi fomenta divisioni e diffonde falsità e disinformazione, mentre gli Usa sono colpiti dalla pandemia e attraversati da disordini sociali, è stato lanciato da Obama, rivolgendosi ai giovani che nel 2020 si sono diplomati e laureati nel corso di una cerimonia virtuale su YouTube cui hanno partecipato 70 personalità della politica, della cultura e dello spettacolo – c’erano, tra gli altri, Beyoncé, Lady Gaga e Michelle Obama -. Le parole dell’ex presidente suonano rivolte contro il suo successore Donald Trump.

Domenica sono proseguite, ma sono andate stemperandosi, le manifestazioni innescate dalla morte di Floyd a Washington, New York, Minneapolis e in decine di altre città, e pure in tutto il Mondo. A Washington, fra i manifestanti, c’era Mitt Romney, senatore repubblicano dello Utah, candidato alla Casa Bianca nel 2012, uno dei punti di riferimento della fronda interna al partito repubblicano al magnate presidente. “Bisogna trovare modo di porre fine a ingiustizia e brutalità e di rassicurare, una volta per tutte, la gente che la vita dei neri conta, come la vita di tutti”, ha dichiarato Romney.

La fronda, già forte del clan dei Bush, della senatrice dell’Alaska Lisa Murkowski, degli ex speaker della Camera John Boehner e Paul Ryan, s’è ieri arricchita della voce di Colin Powell, ex segretario di Stato del primo mandato di George W. Bush. Powell, un nero, a lungo il più influente e ascoltato negli Stati Uniti, ha annunciato che alle elezioni presidenziali del 3 novembre voterà per Biden.

Generale, già consigliere per la Sicurezza nazionale con Ronald Reagan e il più giovane capo di Stato maggiore delle Forze Armate degli Stati Uniti, da sempre repubblicano, Powell era in diretta alla Cnn: “La gente sta realizzando che Trump è un pericolo per il Paese – ha detto, criticando l’atteggiamento del magnate di fronte alle proteste – … S’è allontanato dalla Costituzione”.

La replica via Twitter di Trump è stata quasi immediata: “Colin Powell, un vero truffatore, responsabile di avere portato l’America nelle disastrose guerre in Medio Oriente, ha appena annunciato che voterà per un altro truffatore, ‘Sleepy’ Joe Biden … Powell non aveva detto che l’Iraq aveva ‘armi di distruzione di massa’? Non le avevano, ma noi siamo andati in guerra!”, afferma il presidente. Trump si riferisce alle ragioni dell’invasione dell’Iraq illustrate da Powell all’Onu nel febbraio 2003 e rivelatesi poi false – un episodio che ha intaccato prestigio e credibilità dell’allora segretario di Stato -.

Da notare che molti dei repubblicani anti-Trump usciti allo scoperto ora già non lo appoggiavano e non lo votarono nel 2016.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti del Diario Usa2020 sul blog di Giampiero Gramaglia