IAI
La festa a Wilmington

I discorsi di Joe Biden e Kamala Harris nella notte della vittoria

8 Nov 2020 - La redazione - La redazione

Al Chase Center nella periferia di Wilmington, nel Delaware, dove Joe Biden è di casa, si è tenuto il primo discorso alla nazione del ticket democratico che ha strappato la Casa Bianca a Donald Trump. Il presidente uscente – sorpreso dalla notizia sul campo da golf  – non ha ancora accettato la sconfitta (e pare non abbia intenzione di farlo), salgono sul palco prima Kamala Harris e poi Biden.

Mentre una parte d’America festeggia per le strade delle città – da Washington a New York, da Chicago ad Atlanta -, il 46esimo presidente eletto parla di unità e speranza: “Il popolo di questa nazione ha parlato, ci ha consegnato una vittoria chiara, una vittoria convincente. Abbiamo vinto con il maggior numero di voti mai espressi nella storia del Paese… settantaquattro milioni”.

Biden ammette di essere stato colpito dalla portata dei festeggiamenti dovuti dalla sua elezione: “Quello che devo ammettere, e che mi ha sorpreso, è che stasera stiamo vedendo in tutta la nazione, in tutte le città e tutte le parti del Paese, anzi in tutto il mondo, uno sfogo di gioia, di speranza, una rinnovata fede nel domani, che sarà un giorno migliore. Sono onorato dalla fiducia e che avete riposto in me”. E ricorda le tragedie che hanno costellato la sua vita – l’ultima, la morte del figlio Beau cinque anni fa – per testimoniare la sua vicinanza agli americani che hanno perso qualcuno nella lotta contro il virus.

“Mi impegno ad essere un presidente che non cerca di dividere ma unire, che non vede Stati rossi e Stati blu, ma solo gli Stati Uniti. Voglio restaurare l’anima dell’America, per ricostruire la spina dorsale di questa nazione, la classe media, e per rendere di nuovo l’America rispettata in tutto il mondo”. E lancia un messaggio a chi ha votato Trump: “Diamoci reciprocamente una chance”.

È stata Kamala Harris a prendere la parola per prima davanti al drive-in di festeggiamenti organizzato a Wilmington. La prima donna ad entrare nell’ufficio di presidenza degli Stati Uniti si rivolge proprio alle donne, vestita di bianco, colore delle suffragette che cento anni fa ottennero il diritto di voto: “Penso alle donne che hanno combattuto e sacrificato così tanto per l’uguaglianza, la libertà e la giustizia per tutti, comprese le donne afroamericane, spesso trascurate ma che spesso dimostrano di essere la spina dorsale della nostra democrazia”.

Al termine, le famiglie di Joe Biden e Kamala Harris hanno raggiunto i due sul palco per uno spettacolo pirotecnico con il marchio “46”, come la presidenza che sta per iniziare.