IAI
Questione palestinese

La Scuola di Gomme di Al Khan Al Ahmar

17 Apr 2017 - Dipartimento di Policy di GVC Italia - Dipartimento di Policy di GVC Italia

Al Khan Al Ahmar è una delle 18 comunità beduine che risiedono in zona E1, l’area che prende il nome dal piano con il quale Israele ha programmato di unificare Gerusalemme Est a Ma’ale Adumim, uno degli insediamenti israeliani più grandi in Cisgiordania. Fondato nel 1975, secondo B’Tselem, è residenza di circa 40 mila coloni.

Nel villaggio di Al Khan Al Ahmar si trova la cosiddetta Scuola di Gomme, finanziata dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo. La scuola è a rischio di demolizione sin dal 2009 ed è al centro di lunghe vicende giudiziarie nelle Corti israeliane, nonché oggetto di scambi diplomatici fra Italia e Israele e proteste da parte dell’Ue.

A inizio marzo, le autorita’ israeliane hanno emesso ordini di demolizione per tutte le strutture del villaggio di Al Khan Al Ahmar, ponendo i residenti a rischio di un trasferimento forzato di massa e riportando il caso al centro dell’attenzione.

I residenti, rifugiati registrati dall’Unrwa, provengono dal deserto del Naqab, oggi parte di Israele.Secondo l’organizzazione Bimkom, furono espulsi dalle proprie terre nei primi Anni ‘50. Fanno parte dei circa 300,000 palestinesi, stimati dalle Nazioni Unite, residenti in Area C all’interno di piccoli villaggi costituiti da baracche e circondati da insediamenti israeliani, illegali per il diritto internazionale.

Dal punto di vista dei coloni
Lo scorso 13 marzo, Josh Hasten, dell’organizzazione dei coloni israeliani Regavim, ha pubblicato un articolo sul Jerusalem Post, in cui illustra ‘il diabolico piano di Autorità palestinese e Unione europea per l’Area C’, colpevoli di sostenere la crescita di mini-città in Area C e nello specifico nel corridoio E1. Secondo l’autore ‘il principale accampamento illegale, divenuto il simbolo di questa storia, è la comunità di Khan Al Ahmar’.

Rifacendosi al regime dei permessi di costruzione applicato da Israele in Cisgiordania e ritenuto discriminatorio dalle Nazioni Unite e da vari esperti di diritto internazionale, Hasten ritiene le attivita’ di Unione europea e Autorità palestinese ‘illegali’ in quest’area. Hasten ha aggiunto che ‘il Governo ha fatto di tutto per offrire soluzioni abitative permanenti a queste famiglie’, riferendosi ai siti urbani costruiti da Israele in Cisgiordania dove i beduini dovrebbero essere rilocati, una volta trasferiti forzatamente.

Demolizioni e sfollati in E1
Secondo le Nazioni Unite nei primi due mesi del 2017 le autorità israeliane hanno demolito 24 strutture nelle 18 comunità beduine che vivono nella zona E1, provocando lo sfollamento di 133 persone, di cui la metà bambini. Metà delle strutture demolite erano assistenza umanitaria da parte di Stati europei. In totale, fra il 2013 e il 2016 le autorita’ israeliane hanno demolito circa 180 strutture in 13 delle 18 comunità situate nella zona E1 provocando lo sfollamento di 500 persone.

Le demolizioni in Area C sono suffragate dalla mancanza di permessi di costruzione, ma secondo B’Tselem, fra il 2000 e il 2012, solo il 5,6% delle richieste di permessi è stato approvato e secondo Bimkom, fra il 2010 e il 2014, il 98% delle richieste di autorizzazione a costruire in Area C da parte di palestinesi è stata rigettata. Tale situazione obbliga la popolazione palestinese a realizzare, in condizioni precarie, le infrastrutture temporanee necessarie a soddisfare i bisogni basici.

Una parte per il tutto
Negli ultimi due anni, demolizioni e confische nei villaggi palestinesi in tutta l’Area C sono aumentate, parallelamente all’espansione di insediamenti israeliani. Il caso di Al Khan Al Ahmar è uno dei tanti, simile a quella di Susya. L’utilizzo mirato del regime di autorizzazioni descritto e le restrizioni al movimento sono fra i principali fattori che impediscono l’accesso ai servizi di base e lo sviluppo di questi villaggi palestinesi in Area C. Nel frattempo l’espansione degli insediamenti illegali continua.

Nonostante il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite abbia approvato la risoluzione 2334/2016 nella quale ritiene gli insediamenti israeliani in territorio occupato ‘privi di validità giuridica e flagrante violazione del diritto internazionale’, nonché un ostacolo al raggiungimento della soluzione a due Stati e della pace, il 6 febbraio 2017 la Knesset ha approvato una legge che legalizza diversi avamposti costruiti su terreni di proprietà privata palestinese in territorio occupato.

Il 30 marzo, il Governo israeliano ha annunciato la costruzione di un nuovo insediamento in territorio occupato, per la prima volta dopo più di 20 anni, con l’obiettivo di alloggiare i coloni dell’avamposto di Amona, smantellato ed evacuato su ordine della Corte Suprema ad inizio febbraio.

L’ambiente coercitivo e le Violazioni di Diritto Internazionale
Molti interpreti di diritto internazionale ritengono che ciò che accade in Area C sia configurabile come trasferimento forzato della popolazione. Il trasferimento della popolazione dello Stato occupante in territorio occupato (gli insediamenti israeliani) e il trasferimento della popolazione del territorio occupato fuori o all’interno di esso (i trasferimenti dei palestinesi dai villaggi dell’Area C) costituiscono entrambi gravi violazioni degli articoli 49 e 147 della IV Convenzione di Ginevra del 1949. Secondo il diritto penale internazionale le gravi violazioni sono da considerare crimini di guerra.

Uno degli elementi del crimine di trasferimento forzato è la creazione di un ambiente coercitivo. Le demolizioni, la restrizione all’accesso ai servizi di base, i divieti di movimento, nonché le violenze non sanzionate da parte dei coloni e dell’esercito israeliano, sono fra i fattori che creano un ambiente coercitivo.

Due Stati?
La cosiddetta soluzione a due Stati, promossa per decenni da Ue e Stati Uniti, mira alla nascita di uno Stato palestinese indipendente, avente quindi un proprio territorio. Tuttavia, le continue violazioni di diritto internazionale attraverso cui Israele compromette l’unità del territorio del futuro Stato palestinese, tra i quali gli insediamenti illegali e il trasferimento forzato, sembrano aver già compromesso la possibilità di realizzarla.

In questo senso il caso di Al Khan Al Ahmar e’ un esempio del ‘tutto’, un progetto di annessione del territorio e inibizione della nascita del futuro Stato. Quali soluzioni concrete possono quindi offrire i Paesi, soprattutto quelli alleati di Israele, che ancora formalmente promuovono la soluzione a due Stati?