IAI
Referendum costituzionale

Riforma costituzionale e Ue, i conti non tornano

27 Lug 2016 - Alessandra Mignolli - Alessandra Mignolli

Il dibattito in corso sulla legge di riforma costituzionale ha finora lasciato in ombra alcuni profili la cui problematicità risulta evidente se si legge il testo alla luce dell’esperienza costituzionale dell’Unione europea, Ue.

Risultano problematici, infatti, sia il ruolo del nuovo Senato, in relazione alla sua composizione e legittimazione, sia l’abolizione del Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro (Cnel), la cui esistenza, invece, è funzionale al lavoro del Comitato economico e sociale europeo (Cese).

Il futuro Senato
Il Senato, di cui al nuovo art. 57 Cost., presenta evidenti elementi di somiglianza con la composizione del Comitato delle Regioni dell’Unione. Quest’ultimo è composto da 350 membri in rappresentanza delle collettività regionali e locali dei 28 Stati dell’Unione.

Ne sono membri, ad esempio, per l’Italia gran parte dei presidenti di Regione, insieme a consiglieri regionali, sindaci, ecc. Analogamente, il nuovo Senato è espressione delle istanze regionali e locali, e realizza una rappresentanza indiretta, in quanto i senatori – consiglieri regionali e sindaci titolari di un mandato elettivo a livello regionale o locale – sono nominati dai vari consigli regionali.

Secondo l’art. 55, 5° comma, Cost., il futuro Senato, oltre a generiche funzioni di raccordo tra lo Stato e gli enti territoriali e tra lo Stato e l’Unione europea, non solo sarà chiamato a partecipare all’elezione di fondamentali e delicate figure istituzionali dello Stato, come il Presidente della Repubblica e i giudici costituzionali, ma eserciterà anche una funzione legislativa, in settori limitati ma importanti, in piena parità con la Camera, mentre per altri settori potrà proporre modificazioni, esercitando quindi una funzione consultiva.

Ai sensi del nuovo art. 70 Cost., infatti, esso concorrerà su base paritaria con la Camera a legiferare su materie, quali le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali, le leggi che regolano specifiche materie, tra cui la partecipazione dell’Italia alla formazione e attuazione delle normative e delle politiche dell’Unione europea, le leggi che regolano le autonomie regionali e locali, e le leggi di ratifica di trattati internazionali relativi all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea.

Il Comitato delle regioni dell’Ue
Il Comitato delle Regioni dell’Ue (Cdr) dispone invece di poteri incisivi e trasversali, ma consultivi e limitati sotto il profilo decisionale. Si tratta di poteri volti a sviluppare la democrazia partecipativa europea attraverso il coinvolgimento delle istanze regionali e locali nel processo di formazione delle norme, e a rafforzare il controllo da parte dei più diretti interessati – le comunità territoriali – sul rispetto del principio di sussidiarietà nell’adozione degli atti legislativi dell’Unione.

Il Cdr elabora pareri – obbligatori ma non vincolanti – su tutti gli atti normativi relativi a materie di interesse regionale (per esempio in tema di trasporti, navigazione marittima e aerea, occupazione, sicurezza del lavoro, ecc.); può essere consultato dalle istituzioni ogniqualvolta lo ritengano opportuno o può esprimere pareri di propria iniziativa.

In sostanza, il Cdr non possiede mai poteri decisionali o legislativi. Il parere da esso espresso, infatti, pur facendo parte del processo legislativo, non è mai vincolante. I poteri e le funzioni di cui dispone, insomma, sono coerenti sia al perseguimento dei fini per cui il Cdr è stato creato e degli interessi che esso rappresenta, sia rispetto alla limitata legittimazione democratica di cui dispone.

Tale coerenza non si riscontra nella disciplina del Senato configurato dalla legge di riforma costituzionale. In primo luogo perché, in linea generale, nessun organo con una legittimazione democratica e una rappresentatività così limitate e poco omogenee dovrebbe essere titolare di potere legislativo. In secondo luogo perché non tutte le materie per le quali tale potere è previsto dalla legge di riforma sono coerenti con gli interessi rappresentati dal nuovo Senato.

Infine, è evidente che un Senato che si propone di rappresentare gli interessi regionali e locali dovrebbe per sua natura essere coinvolto, in modo molto più trasversale di quanto la riforma non preveda, in tutti i casi in cui tali interessi siano in gioco. Il Senato, invece, verrà escluso dal processo di adozione di leggi ordinarie che potrebbero avere un impatto rilevante sugli interessi locali e regionali, ma si troverà coinvolto su un piano di parità con la Camera elettiva nel processo di revisione costituzionale, per il quale non dispone della rappresentatività e della legittimazione necessarie.

Abolizione del Cnel
L’abolizione del Cnel, invece, impatta direttamente sul funzionamento del Comitato economico e sociale dell’Unione europea. Quest’ultimo rappresenta gli interessi variegati della società civile (associazioni di datori di lavoro, lavoratori, consumatori, organizzazioni di assistenza sociale, ecc.) ed è chiamato a esprimere il proprio parere consultivo su tutti gli atti legislativi adottati dalle istituzioni dell’Unione nell’attuazione delle politiche che incidono su tali interessi.

I pareri del Cese non sono vincolanti per le istituzioni dotate di potere decisionale, ma queste ultime hanno l’obbligo di richiederli e, una volta ricevuti, di esaminarli.

Per svolgere la sua funzione, secondo il tipico strumento amministrativo europeo della rete, il Cese si pone in relazione con le analoghe strutture nazionali – il Cnel nel caso italiano – al fine di tenere conto in modo più incisivo e capillare delle diverse articolazioni della società civile e delle diverse esigenze economiche degli Stati membri.

Con l’abolizione del Cnel al Comitato economico e sociale dell’Unione europea verrà a mancare una maglia in questa rete di relazioni, e probabilmente l’Italia dovrà trovare una diversa struttura cui attribuire le indicate funzioni di raccordo oppure crearne un’altra simile.

Una sia pur rapida comparazione con l’architettura costituzionale europea mostra che il progetto di riforma costituzionale manca di coordinamento con gli organi dell’Unione europea stessa riguardo all’abolizione del Cnel, ma soprattuttodisegna un equilibrio istituzionale incoerente riguardo al Senato che, con una limitata legittimazione democratica, è equiparato alla Camera elettiva per un cospicuo numero di funzioni costituzionali fondamentali, mentre non sempre coopera all’esercizio della funzione legislativa relativa agli interessi che rappresenta.

In conclusione, mentre nella struttura dell’Unione si può riscontrare una coerenza nell’applicazione dei principi della democrazia rappresentativa (Parlamento europeo e Consiglio) e della democrazia partecipativa (Comitato economico e sociale e Comitato delle regioni), una simile visione d’insieme sembra mancare del tutto nel progetto di riforma costituzionale.

.