Usa-Iran: il tappo saltato

11 Mag 2018 - Dal blog Ceralacca di Gianfranco Uber

L’uscita degli Usa dal patto con l’Iran, voluto da Barack Obama e siglato nel 2015 tra le sei potenze mondiali (i 5+1, ovvero Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Gran Bretagna, cioè i cinque Paesi che hanno diritto di veto all’Onu più la Germania) e che metteva fine alle sanzioni decise da Stati Uniti, Unione europea e Nazioni Unite, sta preoccupando il mondo intero. Ad eccezione del presidente Usa Donald Trump e del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Ora, per l’Europa sarà difficile sfidare le sanzioni commerciali contro l’Iran sotto la minaccia dei dazi alle importazioni americane (su cui l’amministrazione Usa hanno spostato la decisione al 1° giugno).
Quanto all’Iran, la decisione presa da Donald Trump mette in seria difficoltà l’ala moderata di Teheran, favorendo l’ala integralista intransigente, e potrebbe finalmente rappresentare la tanto cercata “pistola fumante” a giustificazione di un intervento armato. Amen.
Usa-Iran: il tappo saltato sul nucleare