affarinternazionali

Elezioni e diplomazia
Ue-Turchia: una crisi prevedibile ma inevitabile?
Anja Palm
20/03/2017

  più piccolo più grande
L’innesco dell’attuale crisi diplomatica fra Europa e Turchia sembra essere stato nel ritiro, da parte dei Paesi Bassi, dell’autorizzazione precedentemente concessa ad alcuni ministri turchi per tenere dei comizi elettorali in vista del referendum turco. Nel momento in cui tali ministri hanno tentato di entrare in Olanda, si sono dunque visti negare l’ingresso per “ragioni di sicurezza ed ordine pubblico”.

Questo rifiuto ha infiammato l’ira dei turchi, soprattutto del presidente Erdoğan, il quale si è lanciato in un crescendo di offese, arrivando a paragonare gli olandesi ai nazisti e attribuendo loro la responsabilità del massacro di Srebrenica, fino a minacciare la rottura dell’accordo Ue-Turchia.

Il presidente turco si è poi spinto oltre il confine del ridicolo rescindendo il gemellaggio Istanbul-Rotterdam ed invitando i cittadini turchi in Europa a fare cinque figli a coppia “come risposta all’ingiustizia subita”.

Una crisi diplomatica che pare trovare pretesto nel tentativo di salvataggio di due situazioni politiche nazionali critiche, che hanno visto da un lato, il neo-rieletto premier olandese Marc Rutte non volere perdere troppo terreno a favore di Geert Wilders e delle sue posizioni anti-Islam in occasione delle elezioni olandesi, dall’altro il presidente Erdoğan in cerca di consensi nella diaspora turca in Europa onde favorire il sì all’imminente referendum.

Sono infatti 2,5 milioni i cittadini turchi in Europa che potranno votare alla consultazione del 16 aprile e, con i sondaggi che indicano un leggero vantaggio del no, pare che Erdoğan stia utilizzando la vecchia strategia della creazione di un nemico comune per rafforzare la propria posizione: sembra avere sempre questo scopo la sua dichiarazione sulla recente sentenza della Corte di Giustizia europea che consente ai datori di lavoro di stabilire norme interne di ‘neutralità’, vietando qualsiasi simbolo religioso. Erdoğan ha commentato che tale sentenza aprirà “una guerra fra religioni” in Europa.

Ma questa crisi diplomatica rappresenta veramente un colpo di scena inaspettato oppure gli ultimi sviluppi sono solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo di insoddisfazione, mancanza di fiducia e promesse vuote?

Uno scontento reciproco covato a lungo
Le radici di tale scontento sono da cercare molto prima dei recenti fatti. La Turchia è da sempre un ‘ponte fra Ovest e Est’, con un’identità frammentata e alla continua ricerca di un difficile equilibrio fra culture ed ideologie diverse.

È però la scelta di una rinnovata stagione di cooperazione nel 2015 che maggiormente influenza i fatti accaduti negli ultimi giorni. Tale cooperazione pone al centro la dimensione migratoria con il patto Ue-Turchia e la promessa europea non solo di notevoli fondi, ma anche della liberalizzazione dei visti e del rinvigorimento del procedimento di adesione.

Promesse irrealistiche e infatti mai realizzatesi: se ad oggi solo 750 milioni sui tre miliardi pattuiti sono stati effettivamente erogati, la liberalizzazione dei visti, ma soprattutto l’adesione, è un miraggio lontano.

La negoziazione di adesione della Turchia ha sempre rappresentato un caso unico, trascinatosi da più di un decennio, con solo 16 capitoli aperti su 35, spesso riportata in vita senza vere prospettive di successo e invero con dubbia convinzione da entrambi i lati.

Se questo da un lato ha contribuito ad una forte delusione e perdita di fiducia in Turchia nei confronti dell’Unione, dall’altro lato la conclusione dell’accordo Ue-Turchia ha posto l’Unione in una posizione debole e di ricatto, alla ricerca di accordi esterni in alternativa alla fallita cooperazione infra-Ue e con la disponibilità a soprassedere su aspetti umanitari, ai fini di ottenere una riduzione dei flussi che minava l’equilibrio politico interno. Una politica poco lungimirante, un pericolo da cui organizzazioni umanitarie ed esperti avevano subito messo in guardia.

Parallelamente ai passi falsi dell’Unione, in Turchia la stagione di autoritarismo, in costante crescita da alcuni anni, ha trovato il suo apice nelle purghe successive al fallito golpe dell’estate 2016, con attacchi mirati all’opposizione e alla stampa.

Questo periodo è stato segnato da un forte raffreddamento delle relazioni diplomatiche, con la Turchia che accusava l’Europa di non aver condannato adeguatamente il tentato golpe e l’Unione che, seppur non con molta forza, rimproverava la violazione di fondamentali libertà individuali.

Quali possibili passi per il futuro?
Questo impasse pone l’Europa nuovamente davanti alla domanda cruciale su quale approccio scegliere nelle relazioni con Paesi terzi ‘difficili’. Infatti, se tagliare completamente i rapporti o lasciar passare gravi fatti senza reazione sono entrambe opzioni non percorribili, la ricerca di un difficile equilibrio che consenta il mantenimento delle relazioni diplomatiche, pur difendendo i propri valori fondamentali, è tutt’ora aperta.

La Turchia, soprattutto per la sua posizione geografica, ma anche per la sua cultura, è e sempre sarà un ponte cruciale fra l’Europa e il Medio Oriente. Ciò nonostante è importante ricordare che se la Turchia rappresenta un partner fondamentale per l’Unione, in particolare in ambito geopolitico, l’Unione è il primo partner commerciale di Ankara. Trovare un punto d’incontro è quindi imperativo.

Ma soprattutto è fondamentale chiedersi se l’Unione voglia voltare le spalle alla Turchia proprio in un momento così delicato, con un paese polarizzato in vista di un referendum che potrebbe sconvolgere il sistema di governo attuale, nonché in prolungato stato di emergenza (che prevede, fra altro, la sospensione della Cedu), o se voglia piuttosto tentare di utilizzare tutti i propri mezzi diplomatici per favorire un ravvicinamento.

In un’analisi a lungo termine, una Turchia politicamente sempre più isolata rappresenta un pericolo. La domanda è quindi se la strategia migliore sia veramente quella di reagire alle provocazioni di Erdoğan con toni simili aumentando ulteriormente le distanze, oppure se sia necessario piuttosto tentare il dialogo su altri aspetti.

Particolarmente urgente è insistere sulla necessità che la consultazione referendaria possa svolgersi in un clima politico meno teso e soprattutto che sia garantito un voto democratico. È tardi per assicurare che il referendum avvenga in condizioni di libertà di stampa e di opposizione, ma, quantomeno, l’Unione può tentare di mostrarsi compatta nella difesa dei valori che dovrebbero renderla un esempio, non solo per la Turchia, ma per il mondo intero.

Anja Palm è stagista dell’Area Mediterraneo-Medio Oriente presso lo IAI, dove concentra la sua ricerca sulla dimensione esterna dell’Unione europea in ambito migratorio e l’esternalizzazione dei controlli migratori.
 
Invia ad un amico - Stampa 
Vedi anche
I difficili dilemmi di Erdogan, Roberto Aliboni
Nuove purghe turche, nel mirino il partito filocurdo, Bianca Benvenuti

Temi
TurchiaElezioni
Unione europeaDiritti umani

Politica estera
italiana
Unione
europea
Sicurezza, difesa
terrorismo
Mediterraneo e
Medio Oriente
Economia
internazionale
Est Europa e
Balcani
Usa e rapporti
transatlantici
Africa
Istituzioni
internazionali
Asia
Energia e
ambiente
America
Latina
Gli articoli più letti