affarinternazionali

Disputa Italia-India
Il caso marò e i tempi dell’arbitrato
Natalino Ronzitti
18/01/2016

  più piccolo più grande
Un’apertura? Così potrebbe essere interpretata la decisione della Corte Suprema indiana di permettere l’estensione della permanenza in Italia (scaduta formalmente il 15 gennaio), del fuciliere di marina Massimiliano Latorre fino al 30 aprile.

L’interminabile vicenda dell’Enrica Lexie
Facciamo il punto sulla vicenda dell’Enrica Lexie, che si trascina dal 15 febbraio 2012, giorno in cui la nave fu attirata nel porto indiano di Kochi, con la scusa che il comandante doveva testimoniare su episodi di pirateria accaduti al largo delle coste del Kerala.

Vista l’impossibilità di risolvere la questione in via diplomatica, nonostante le speranze suscitate dall’ascesa al governo del nuovo premier Nerendra Modi, l’Italia ha notificato all’India il 26 giugno 2015 la decisione di devolvere la controversia a un Tribunale arbitrale, secondo l’Annesso VII alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

Nello stesso tempo ha chiesto al Tribunale Internazionale per il diritto del mare di Amburgo, Itlos, misure provvisorie volte al rientro dei due Fucilieri di Marina (Salvatore Girone e Massimiliano Latorre) in Italia.

In verità Latorre si trovava già in Italia essendogli stato concesso per motivi di salute di restare nel nostro paese fino al 15 gennaio 2016. L’India si è opposta alla concessione di misure provvisorie, ma l’Itlos ha salomonicamente concluso (ordinanza del 24 agosto 2015) che i tribunali indiani e italiani non avrebbero potuto prendere nessuna misura che potesse aggravare la controversia, intimando ai due paesi di sospendere tutti i procedimenti in corso e di non iniziarne di nuovi.

Tradotto in chiaro, questo significa che Girone avrebbe potuto mantenere il suo status di libertà condizionata (movimento solo in New Dehli e obbligo settimanale di firma), mentre Latorre poteva restare in Italia, non essendo consentito all’India di prendere una misura per il suo rientro alla scadenza del termine.

Ovviamente i tribunali indiani non avrebbero potuto prendere nessuna misura peggiorativa. La Corte Suprema indiana si è espressa invece favorevolmente per la proroga fino al 30 aprile per il permesso a Latorre, fissando una nuova udienza per il 13 aprile per fare il punto della situazione.

Il nostro governo, con un comunicato della Farnesina, si è affrettato a statuire che Latorre potrà restare in Italia per tutta la durata del procedimento arbitrale, essendo preclusa alla Corte Suprema indiana ogni decisione al riguardo. Comunque la decisione della Corte Suprema impedisce all’India di considerare l’Italia inadempiente per non aver fatto rientrare Latorre a New Dehli il 15 gennaio.

Il Tribunale Arbitrale e la competenza del processo ai marò
Il Tribunale arbitrale, composto da cinque giudici, è stato costituito abbastanza celermente. Due giudici sono stati nominati rispettivamente da parte italiana e indiana, gli altri tre sono stati designati dal Presidente dell’Itlos che funziona anche da presidente del collegio. Ovviamente tutti gli arbitri sono indipendenti e rispondono soltanto alla legge, inclusi quelli nominati da Italia e India.

All’occorrenza, formule compromissorie possono essere avanzate dalle parti, cioè Italia e India, tramite i loro avvocati. Il Tribunale arbitrale non è da confondersi con la Corte permanente di arbitrato, Cpa, dell’Aja che presta i suoi servigi al Tribunale arbitrale e funziona come ufficio di cancelleria.

È stata fissata la data del 18 gennaio per la riunione degli arbitri che dovranno scegliere la sede del Tribunale (l’Italia gradirebbe l’Aja, mentre l’India una località diversa), le regole di procedura e la tempistica, con cui si dovranno modulare le fasi per la presentazione dei ricorsi e delle repliche.

Altro nodo da sciogliere riguarda la pubblicità delle udienze. È consigliabile orientarsi per la pubblicità del solo verdetto finale e optare per la confidenzialità del procedimento al fine di evitare interferenze mediatiche? Secondo taluni la confidenzialità potrebbe evitare inutili clamori e assecondare intese a livello diplomatico durante la procedura arbitrale.

L’oggetto della controversia - è bene ricordarlo - non riguarda la colpevolezza o l’innocenza dei due Fucilieri di Marina, ma la competenza a giudicarli, cioè se essa spetti ai tribunali italiani o a quelli indiani.

Tra l’altro durante l’udienza per le misure provvisorie sono emersi fatti nuovi a favore dell’Italia, essendo stata avanzata dal nostro agente la circostanza che l’Enrica Lexie non sia entrata volontariamente nel porto di Kochi, ma vi sia stata costretta.

L’Italia ha chiesto al Tribunale arbitrale una nuova misura provvisoria, consistente nel rientro di Girone in Italia, in attesa che si concluda il procedimento, implicitamente impegnandosi a riconsegnare i due fucilieri, qualora la sentenza arbitrale fosse sfavorevole.

Ma l’India potrebbe opporsi e ricordare, come ha già fatto dinanzi all’Itlos, che l’Italia non rispetta le sentenze internazionali, non avendo eseguito quella della Corte internazionale di giustizia nel caso Germania contro Italia (2012).

Si corre il rischio che il Tribunale rimetta in discussione le misure provvisorie già adottate. Ma la condotta indiana sarà un test per verificare la volontà di pervenire ad una rapida e ragionevole chiusura della controversia. In altri termini l’India, se intende veramente percorrere questa strada, dovrebbe, tramite i suoi avvocati, non opporsi alla richiesta italiana.

Un po’ di grinta
Un po’ di grinta non guasta e dovrebbe essere elemento di propulsione per un eventuale negoziato. L’Italia si è opposta all’ingresso dell’India in alcuni fori per il controllo delle armi di distruzioni di massa e dei relativi vettori, caldeggiato da Stati Uniti e Francia.

Il settembre scorso l’India non è potuta divenire membro del Missile Technology Control Regime a causa dell’opposizione italiana. A livello europeo l’accordo commerciale Ue-India è in una fase di stallo per la nostra opposizione, così come la visita del Premier Modi a Bruxelles nel 2016. Addirittura si è pensato di ricorrere ai buoni uffici del Presidente Obama.

Soluzione diplomatica ancora possibile
L’esistenza di una road map per pervenire ad una soluzione diplomatica della vicenda è stata smentita dalle due parti, ma si tratta di smentite in qualche modo di routine nel mondo della diplomazia.

Una trattativa, qualora avesse esito positivo, potrebbe determinare l’estinzione della controversia e quindi la chiusura del procedimento arbitrale. I precedenti non mancano. Altrimenti occorre attendere altri due-tre anni e l’alea della sentenza, in tutto 6-7 anni da quando l’incidente si è verificato!

Natalino Ronzitti è professore emerito di Diritto internazionale (Luiss Guido Carli) e Consigliere scientifico dello IAI.
 
Invia ad un amico - Stampa 
Vedi anche
Marò: dietro il caso, ambizioni marittime indiane, Fabio Caffio
Marò: l'arbitrato, una svolta nella vicenda, Natalino Ronzitti

Temi
IndiaItalia
Caso marò e disputa con India

Politica estera
italiana
Unione
europea
Sicurezza, difesa
terrorismo
Mediterraneo e
Medio Oriente
Economia
internazionale
Est Europa e
Balcani
Usa e rapporti
transatlantici
Africa
Istituzioni
internazionali
Asia
Energia e
ambiente
America
Latina
Gli articoli più letti