affarinternazionali

Medio Oriente
Egitto e Turchia ai ferri corti
Azzurra Meringolo, Emanuela Pergolizzi
02/12/2013

  più piccolo più grande
La pazienza dell’esercito egiziano si è esaurita. Il primo ministro turco Racep Tayyip Erdoğan continua ad alzare al cielo le quattro dita simbolo degli islamisti che chiedono il ritorno del presidente Mohammed Mursi - deposto per mano militare il 3 luglio scorso - e i generali egiziani spediscono a casa l’ambasciatore turco. Tolleranza zero quella che il Cairo riserva al ministro degli esteri di Ankara che ha dichiarato di non aver rispetto per quanti sono tornati al potere grazie a un golpe.

Amore e odio
La storia si ripete. Almeno questo è quello che pensa il quotidiano egiziano Al-Watan che traccia il parallelo tra quanto è avvenuto lo scorso 23 novembre e quanto accadde nel 1952, quando l’ambasciatore turco venne rimpatriato a causa dei suoi attacchi alla rivoluzione del presidente Gamal Abdel Nasser.

La ferita ricucita dalla diplomazia bilaterale si riaprì nel 1961, quando il Cairo non sopportò le parole con le quali la Turchia benedì il disfacimento della Repubblica araba unita, il primo nucleo del progetto panarabo che teneva insieme Siria ed Egitto.

Oggi, la crisi diplomatica che ha portato anche al rimpatrio dell’ambasciatore egiziano ad Ankara è la punta dell’iceberg di una relazione che negli ultimi 16 mesi è passata dalle stelle alle stalle. Alla fine del 2012, il volume del commercio tra Egitto e Turchia era pari a 5.2 miliardi di dollari. Gli investimenti di Ankara al Cairo si erano attestati a 1.9 miliardi di dollari e il progetto era di arrivare a 5 miliardi.

Nel suo primo viaggio in Egitto dopo la caduta di Hosni Mubarak, Erdoğan era stato trattato come una pop star non solo dagli islamisti, ma anche dalle forze liberali che cercavano nella storia turca l’ispirazione per arrivare alla creazione di un regime democratico.

Nel tempo però, il bagliore attorno a Erdoğan e al modello turco ha iniziato a tramontare. In Egitto, il cambio di guardia ha fatto il resto. Il dinamismo diplomatico che aveva posto Ankara al centro dello scacchiere mediorientale registra una battuta d’arresto.

Solitudine turca
Da paladino delle popolazioni in rivolta durante la primavera araba a strenuo difensore dei governi islamisti, Erdoğan non aveva potuto celare il malessere nei confronti dei militari egiziani già a luglio.

La Turchia era stata l'alleato più vicino all'amministrazione Mursi, al quale aveva garantito un prestito di 2 miliardi di dollari l'autunno scorso. I due avevano anche operato di concerto, nel corso del 2012, per risolvere la nuova crisi a Gaza.

Nella stretta militare di luglio, Erdoğan ha vissuto da vicino il déja-vu della ciclica sequenza di colpi di stato che hanno puntellato la storia di Ankara. Come leader di un governo che si è distinto proprio per la lotta contro l'apparato militare-kemalista, il primo ministro turco filo-islamico non poteva celare il supporto all'alleato egiziano.

Mentre gli ultimi focolai delle rivolte del parco Gezi venivano duramente represse, Erdoğan si ergeva a protettore della democrazia in Egitto, criticando aspramente la leggerezza di Stati Uniti e Unione Europea nei confronti dei militari. Persi gli storici alleati nella regione e sempre più in contrasto con le potenze occidentali, prosegue la parabola discendente di una Turchia sempre più sola nel mare mediorientale.

Equilibri in evoluzione
A placare le sferzate del primo ministro sono subito intervenuti, come ormai consuetudine, il ministro degli esteri Ahmet Davutoğlu e il presidente della Repubblica Abdullah Gül. Ricordando “la storica amicizia” tra i due paesi, hanno auspicato che “le relazioni siano presto ripristinate”.

Gli ufficiali del Cairo chiedono tuttavia la fine di ogni ingerenza turca negli affari egiziani. Il riferimento è al sostegno dato ai Fratelli Musulmani nel tentativo di dimostrare, davanti alla Corte penale internazionale, che la repressione condotta contro i manifestanti del Cairo il 14 agosto costituisca un “crimine contro l'umanità”.

Dall'altro lato anche Ankara mostra una certa diffidenza, sottolineando come proprio durante quelle proteste sia stato arrestato il giornalista dell'emittente nazionale Trt, Metin Turan, ancora fermo nelle carceri del Cairo.

A guardare con attenzione la lite tra il Cairo e Ankara sono anche i paesi della regione i cui equilibri internazionali sono ora condizionati dal dossier siriano e da quello iraniano. A mostrarlo è anche l’incontro che si è tenuto a Doha il 24 novembre tra Turchia e Qatar, i paesi più critici nei confronti dell’intervento militare in Egitto con i quali si è trovata in linea anche la Tunisia.

Israele, preoccupato dall’evoluzione iraniana, è convinto che la politica di Erdoğan stia indebolendo l’influenza turca nella regione, messa in dubbio anche dall’Algeria, strenua sostenitrice, con i sauditi, dell’intervento dei militari egiziani. Ryahd è però costretta a districarsi tra due fuochi. Pur non condividendo le critiche turche contro l’intervento militare in Egitto, non vuole rompere l’alleanza con Ankara sul dossier siriano.

Azzurra Meringolo è ricercatrice presso l’Istituto Affari Internazionali (IAI), e caporedattrice di Affarinternazionali. Coordinatrice scientifica di Arab Media Report. È autrice di "I Ragazzi di piazza Tahrir" e vincitrice del premio giornalistico Indro Montanelli 2013. Potete seguirla sul suo blog e su twitter a @ragazzitahrir.
Emanuela Pergolizzi è laureanda presso l'Università di Torino e Sciences Po Grenoble. Svolge un tirocinio presso l'IAI nel quadro del progetto “Global Turkey in Europe” (twitter: @empergolizzi)
.
 
Invia ad un amico - Stampa 
Vedi anche
La politica degli scacchi di Ankara, di Emanuela Pergolizzi
Militari pigliatutto in Egitto, di Azzurra Meringolo
Le due anime della Turchia, di Emanuela Pergolizzi, Nathalie Tocci

Temi
MediorienteDilemmi della Turchia
EgittoTurchia
Il nuovo volto dell’Egitto

Politica estera
italiana
Unione
europea
Sicurezza, difesa
terrorismo
Mediterraneo e
Medio Oriente
Economia
internazionale
Est Europa e
Balcani
Usa e rapporti
transatlantici
Africa
Istituzioni
internazionali
Asia
Energia e
ambiente
America
Latina
Gli articoli più letti