affarinternazionali

Immigrazione
La disputa sui rom e i diritti dei cittadini dell’Ue
Bruno Nascimbene
21/09/2010

  più piccolo più grande
I più recenti episodi di espulsione o allontanamento dalla Francia di cittadini dell’Unione europea di etnia rom, hanno suscitato reazioni di vario genere. La lettura delle “Conclusioni” del Consiglio europeo del 16 settembre 2010 non può che lasciare deluso chi avrebbe voluto trovarvi una risposta ai problemi sollevati, che riguardano libertà fondamentali del diritto dell’Unione europea. Il contrasto Unione europea - Francia (alla quale si è associata, nel rivendicare prerogative degli Stati membri, l’Italia), tocca una varietà di questioni che, a detta del Presidente del Consiglio europeo, dovrebbe essere oggetto di esame nel prossimo Consiglio, quasi a voler giustificare l’assenza di qualunque riferimento alla questione rom nel documento finale del Vertice.

Cittadinanza dell’Ue e non discriminazione
Gli argomenti politici si sono mescolati a quelli più strettamente giuridici, creando incertezza e perplessità circa una corretta (almeno dal punto di vista giuridico) valutazione degli eventi. Un primo problema riguarda la disciplina applicabile, che in questo caso ha per oggetto la tutela dei cittadini comunitari, a cui è garantito, grazie al “diritto dell’Unione europea”, un numero di diritti superiore a quello dei cittadini di paesi terzi (tanto più se si tratta di individui che hanno la cittadinanza nello Stato in cui risiedono, che non possono essere comunque espulsi).

Una seconda questione concerne invece le discriminazioni, in particolare quelle fondate sulla razza, l’origine etnica o sociale, l’appartenenza a una minoranza nazionale. Discriminazioni che, non diversamente da quelle fondate sulla nazionalità, sono vietate dal diritto dell’Unione europea, non solo dal Trattato sul funzionamento dell’Unione, ma anche dalla Carta dei diritti fondamentali che, con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona “ha lo stesso valore giuridico dei trattati”, gli Stati essendo dunque vincolati al rispetto della medesima.

C’è da dire che non hanno contribuito alla migliore definizione del quadro giuridico le spiegazioni e i chiarimenti forniti a più riprese, fra agosto e settembre, dal governo francese, subito seguiti dalle prese di posizione del governo italiano che ha rivendicato la priorità, se non il ruolo primario fra i paesi dell’Unione nel sollecitare modifiche in senso restrittivo delle norme sulla libera circolazione dei cittadini dell’Unione, con particolare riferimento ai cittadini di Romania e Bulgaria. Tali cittadini invero, quale ne sia l’etnia o origine, godono della parità di trattamento rispetto ai cittadini degli altri venticinque Paesi membri.

La Commissione europea, per dichiarazione del Commissario competente in materia di giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza, ha prospettato l’arrivo di una procedura di infrazione, ai sensi dell’art. 258 Tfue, contro la Francia, per violazione delle norme in materia di libera circolazione, di tutela dei diritti fondamentali e di divieto delle discriminazioni.

La procedura non potrà comunque essere avviata se non dopo un’analisi e accertamento dei fatti, per esempio sul carattere coattivo o volontario dell’allontanamento. In molti casi, infatti, i cittadini rom non sono stati espulsi, ma incentivati ovvero assistiti, grazie ad un aiuto economico loro elargito dal governo francese, a lasciare il territorio nazionale. Si è trattato di un allontanamento almeno apparentemente volontario, frutto di un accordo fra autorità e cittadino, la cui libertà di “negoziato” lascia in realtà qualche dubbio, meritevole di accertamento.

Una corretta valutazione, almeno dal punto di vista giuridico, richiede che l’attenzione si concentri sul rispetto delle norme dell’Unione europea e sulle norme che gli Stati membri adottano per darvi applicazione. Questi, Francia e Italia soprattutto, lamentano un’inadeguatezza delle norme dell’Unione sul controllo dei cittadini quanto alla legittimità del soggiorno e chiedono misure restrittive che consentano ben più ampie deroghe al principio fondamentale rappresentato dalla libertà di circolazione e soggiorno. Lo scopo è prevedere e consentire l’esercizio di un più ampio potere dello Stato nell’allontanare i cittadini dell’Unione.

Limiti alla libera circolazione
La direttiva oggetto di critica è la 2004/38 del 29.4.2004 “relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri”.

Il diritto al soggiorno viene riconosciuto, per un periodo non superiore a tre mesi, a tutti i cittadini Ue (e familiari, cioè coniuge e figli a carico) “senza alcuna condizione o formalità, salvo il possesso di una carta d’identità o di un passaporto in corso di validità”. Per un periodo superiore i beneficiari sono i cittadini Ue, e familiari, a) lavoratori dipendenti e autonomi, b) studenti iscritti a un corso di istruzione superiore nello Stato ospite che dispongano sia di risorse economiche sufficienti, affinché non divengano un onere a carico dell’assistenza sociale dello Stato ospite, sia di una assicurazione malattia che copra tutti i rischi in detto Stato, c) persone che non hanno alcuna delle predette qualifiche, ma che dispongono sia delle risorse economiche sufficienti, sia dell’assicurazione malattia nei termini ricordati. Oltre i tre mesi, dunque, sono richieste delle condizioni, che “qualificano” il soggiorno: lavoro, risorse economiche, assicurazione malattia.

Un diritto al soggiorno permanente, non subordinato alle condizioni ricordate, è riconosciuto a chi “ha soggiornato legalmente ed in via continuativa per cinque anni” in uno Stato membro .

Quale che sia il soggiorno di cui il cittadino Ue è beneficiario, la direttiva riafferma il principio della parità di trattamento rispetto ai cittadini nazionali, con la possibilità di deroga e, quindi, di diniego di prestazioni di assistenza sociale sia per il soggiorno fino a tre mesi, sia per quello di più lunga durata se il cittadino è entrato nello Stato allo scopo “di cercare un posto di lavoro”, e parimenti di diniego di aiuto di mantenimento agli studi a chi non mantenga lo status di studente (fino a quando non acquisisca il diritto di soggiorno permanente). Il legislatore dell’Unione ha voluto, insomma, evitare che la libera circolazione venisse utilizzata in modo strumentale (in particolare alla ricerca, fittizia, di un lavoro) per acquisire vantaggi economici, spostandosi, il cittadino, da uno Stato membro all’altro.

La questione dell’allontanamento
Un problema più delicato riguarda le ipotesi e i motivi di allontanamento nonché le garanzie da riconoscere al cittadino dell’Unione. È il problema tornato alla ribalta dopo le recenti espulsioni dei rom (rumeni e bulgari) dalla Francia, nonché dalle rivendicazioni dei governi dei paesi membri circa la tutela di interessi nazionali, compresa la sicurezza dei propri cittadini. È un problema ancor più delicato se si considera che la Convenzione europea dei diritti dell’uomo vieta le espulsioni che violano i diritti fondamentali e il Protocollo n. 4 vieta le espulsioni collettive. Divieti peraltro previsti e riaffermati nella Carta dei diritti fondamentali .

Le ragioni o motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza, sanità pubblica, mai invocabili “per fini economici”, consentono l’adozione del provvedimento di allontanamento, ma nel rispetto del principio di proporzionalità e soltanto in relazione al comportamento personale dell’individuo, al punto che l’allontanamento non può mai essere l’effetto automatico di una condanna penale, dovendo essere valutata, nel caso concreto, la condotta personale, individuale. Questa “deve rappresentare una minaccia reale, attuale e sufficientemente grave da pregiudicare un interesse fondamentale della società”. Sono, pertanto, vietate le espulsioni motivate da ragioni “estranee al caso individuale attinenti a ragioni di prevenzione generale”. La direttiva prevede particolari cautele in materia di “protezione contro l’allontanamento”, imponendo di prendere in considerazione la durata del soggiorno della persona da espellere, l’età, lo stato di salute, la situazione economica, l’integrazione sociale e culturale nello Stato membro ospite, l’importanza dei legami con il Paese d’origine.

Il rispetto rigoroso di queste condizioni, secondo l’orientamento restrittivo che si impone ogniqualvolta si deroghi ad una libertà fondamentale, è stato costantemente affermato dalla Corte di giustizia europea. I governi nazionali pretenderebbero, però, una valutazione più elastica e una più ampia discrezionalità. Anche, e a maggior ragione, in quei casi in cui ricorrono “motivi diversi” dall’ordine pubblico e pubblica sicurezza, quando, cioè, vengono meno le condizioni del soggiorno: la presenza del cittadino diviene un onere eccessivo per il sistema di assistenza sociale; il cittadino non dispone più di assicurazione malattia o di risorse economiche sufficienti.

Caso per caso
L’allontanamento per motivi diversi è certamente possibile, ma pure in tal caso con limiti. Il significato dell’“onere eccessivo” non è precisato dalla direttiva, salvo prevedere (in funzione limitativa) che il ricorso al sistema di assistenza sociale non è di per sé un motivo di allontanamento. Nessun automatismo, dunque, è consentito, ma è richiesta una valutazione caso per caso.

Al medesimo criterio è ispirata la norma sulle “risorse sufficienti”, gli Stati non potendo fissarne l’importo preciso, dovendo invece “tener conto della situazione personale dell’interessato”. E anche quando, per i soggiorni superiori a tre mesi, lo Stato è legittimato a imporre un’iscrizione presso le autorità compenti (per esempio l’iscrizione all’anagrafe del luogo di residenza come è previsto nel nostro ordinamento), le formalità relative al rilascio dell’attestato di iscrizione sono ridotte al minimo.

Lo Stato è, come si vede, vincolato sotto più profili. Una delle lamentele dei governi nazionali riguarda gli effetti del provvedimento di allontanamento, perché mentre al provvedimento per motivi di ordine pubblico e pubblica sicurezza si accompagna il divieto di reingresso nel territorio dello Stato che lo ha disposto, non è consentito prevedere il divieto se l’allontanamento è per motivi diversi. I governi nazionali, in sostanza, lamentano che anche nell’ipotesi in cui riescano ad allontanare, per uno di quei motivi diversi, il cittadino dell’Unione, questi ha diritto a rientrare anche il giorno successivo, se non lo stesso giorno dell’allontanamento, e riprendere, legittimamente, a soggiornare.

Reazione di Parlamento e Commissione
In una risoluzione approvata il 9 settembre il Parlamento europeo ha espresso la preoccupazione che le misure nei confronti dei rom, indipendentemente dai “distinguo” sull’esistenza di norme transitorie nei confronti di cittadini rumeni e bulgari presenti in Francia per motivi di lavoro, contrastano sotto più profili con il diritto dell’Unione europea.

Le censure del Parlamento alla Commissione europea, che si è mostrata debole nella difesa di norme peraltro fondamentali, meglio si comprendono se, in un contesto più generale, si considerano altri due elementi: da un lato, il ruolo assai più incisivo del Parlamento, rispetto al passato, a seguito delle modifiche istituzionali introdotte dal Trattato di Lisbona; dall’altro, le reazioni del governo francese, e di altri, incluso il nostro, che hanno criticato il Parlamento, sottolineando polemicamente che le sue risoluzioni non sono vincolanti.

La Commissione, che subito dopo le prime espulsioni aveva ricordato e sollecitato il governo francese a tener conto dei vincoli discendenti dal Trattato e dal diritto derivato, nonché dei diritti dei singoli, correttamente ha rivendicato e rivendica il proprio ruolo di “guardiano” del rispetto del diritto dell’Unione. Al di là delle polemiche e dello scontro fra istituzioni e Stati, restano i rom, con i loro diritti ( e doveri), di cittadini dell’Unione oltre che di persone.

Bruno Nascimbene è ordinario di diritto dell’Unione europea nell’Università di Milano.

Vedi anche:

F. Pastore: L’asse Parigi-Roma sui Rom scuote le fondamenta dell’Ue

F. Caffio: L’emergenza immigrazione riaccende la tensione tra Italia e Malta

B. Nascimbene: I respingimenti e i rapporti Italia-Ue
 
Invia ad un amico - Stampa 

Temi
ImmigrazioneItalia
Sfide dell’immigrazione

Politica estera
italiana
Unione
europea
Sicurezza, difesa
terrorismo
Mediterraneo e
Medio Oriente
Economia
internazionale
Est Europa e
Balcani
Usa e rapporti
transatlantici
Africa
Istituzioni
internazionali
Asia
Energia e
ambiente
America
Latina
Gli articoli più letti